Epidemia morbillo a Bari: interviene l’Ordine dei Biologi

Morbillo, continua la polemica per quanto riguarda i bambini no vax

L’intervento dell’Ordine dei Biologi è stato immediato, per quanto riguarda la vicenda degli otto casi registrati di morbillo. 5 di questi casi sono bambini, uno di loro, non ha neanche un anno di età.

All’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari è stata ricoverata una bambina di dieci anni non vaccinata figlia a quanto pare di genitori “no-vax”. Vincenzo D’Anna dichiara che non tratta di un vero e proprio allarmismo ma sono i giornali che hanno gonfiato un po’ la notizia, e colpevolizzato eccessivamente la famiglia “no-vax” della bambina.

Leggi anche: Allarme morbillo: già registrati 2.295 casi quest’anno, ecco cosa sta succedendo

L’Ordine dei Biologi sui casi di morbillo a Bari

Viene riferito che i contagiati sono stati: per la sorella della bambina di 10 anni (anche lei non vax), un cugino e un bimbo di 11 mesi ricoverato all’ospedale nello stesso reparto per un’otite. Si tratta di un bambino di neanche un anno, che non era vaccinato perché era troppo piccolo. La regola della somministrazione del vaccino è dopo 12 mesi d’età. Si scatena la polemica per quanto riguarda la bambina di 10 anni, ricoverata dieci giorni prima nel reparto di malattie infettive dell’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari. Secondo gli esperti sarebbe esattamente il periodo di incubazione del virus.

Leggi anche: Sono stati registrati altri 8 casi di morbillo, non erano vaccinati: ecco dove

Matilde Carlucci, il direttore sanitario del Policlinico di Bari ha disposto di urgenza un’indagine per far luce sulla vicenda.

La vaccinazione non sarebbe di certo un obbligo, ma bisogna comunque pensare che una volta colpiti da questo virus possono comparire complicazioni serie di salute.

Morbillo: registrati 7 casiSi tratta di qualche complotto ?

l’Istituto Superiore di Sanità specifica che le complicazioni sono relativamente rare. Ma l’Ordine dei Biologi scatena il putiferio dicendo che si era dimenticato di citare il resto della frase dove l’ISS sottolinea che ‘’il morbillo è pur sempre responsabile di un numero compreso tra le 30 e le 100 morti ogni 100.000 persone colpite. Le complicazioni sono dovute principalmente a superinfezioni batteriche: otite media, laringite, diarrea, polmonite o encefaliti (infiammazioni del cervello)’’


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.