Erasmus tra Nord e Sud Italia, potrebbe davvero funzionare?

In questi giorni le sardine hanno proposto al ministro per il Sud, Provenzano, un Erasmus interno: studenti del Nord che vanno al Sud e viceversa.

In questi giorni si sta sentendo parlare tantissimo di un nuova forma di Erasmus, un Erasmus che dovrebbe svolgersi più all’interno dell’Italia che al suo esterno. Sono state le sardine le autrici di una simile proposta, di cui il destinatrio è il ministro per il Sud Giuseppe Provenzano. Una proposta del genere ha diviso l’opinine pubblica e non nascondiamo che è stata anche oggetto di burla da parte di qualcuno, ritenuta una vera assurdità. Cerchiamo di capire di cosa si tratta e se, effettivamente, possa essere considerata una risorsa.

Erasmus tra il Nord ed il Sud Italia, cosa si guadagna?

A chiarirci le idee ci ha pensato Mattia Santori, uno dei fondatori delle sardine. Costui ritiene necessario fare l’rasmus durante gli anni dell’università, periodo di grande formazione per i ragazzi.

Con tale proposta si potrebbe permettere a degli studenti del Sud di studiare per un tot di tempo al Nord e viceversa. Avere quindi la possibilità di vedere come funzionano le università, quale sia il vero divario tra professionisti del Sud e del Nord, ma soprattutto arricchirsi confrontandosi.

Quanti hanno sognato di andare via dalla propria città e di continuare gli studi altrove, restando sempre in Italia? E quanti, ancora, hanno potuto realizzare questo desiderio? Beh, a quanto dicono i dati, davvero uno scarso numero di studenti.

Sì, perchè ci sono troppe spese economiche da sostenere e non tute le famiglie sono disposte a farlo, e questo risulta essere, quindi,  uno svantaggio per gli studenti che non hanno avuto la possibilità di fare espereinza altrove.

Non bisogna, necessariamente, andare all’estero per fare esperienza e per arricchirsi da un punto di vista professionale: anche spostarsi dalla propria regione ci permette di farlo.

In particolare, prepara tutti quei ragazzi e quelle ragazze del Sud, che un domani, dopo il diploma di laurea, saranno costretti ad emigrare al Nord.

Avere già familiarità con tali ambienti permette anche di sentire meno lo shock e di sapersi già muovere.

Ma anche da un punto di vista culturale questo erasmus tra Nord e Sud avrebbe dei vantaggi: poter conoscere meglio le ricchezze e le bellezze che la nostra penisola ha da offrire.

Infine, si spera, che una simile esperienza possa cancellare questo clima di intolleranza che soprattutto gli abitanti del Nord provono nei confronti di quelli del Sud.

 

Leggi anche:

Erasmus, fuori l’Inghilterra per via della Brexit

 

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.