Eredità e dichiarazione di successione errata, è possibile correggere gli errori, le novità dell’Agenzia

Eredità: gli errori nella dichiarazione di successione si possono correggere, i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate.

Chiarimenti in merito all’eredità e alla dichiarazione di successione per un immobile in donazione ad un soggetto non residente in Italia.  L’Agenzia delle Entrate, con la risposta all’interpello numero 464/2019, ha ritenuto sufficiente, per un soggetto non residente in Italia, acquisire per donazione un immobile sito nel territorio dello Stato per ritenere necessari la presentazione della dichiarazione dei redditi, come soggetto non residente, e il versamento della relativa imposta. 

Eredità: dichiarazione di successione errata 

Nello specifico l’interpello risponde ad un istante Tizia che aveva presentato la dichiarazione di successione in data 1° febbraio 2018. la dichiarazione di successione del coniuge Caio, deceduto in Germania il 26 giugno 2017. La’istante nel presentare la dichiarazione aveva erroneamente indicato come data di decesso il 26 giugno 2016 anzichè il 26 giugno 2017. L’istante chiede all’Agenzia delle Entrate se sia possibile precedere alla variazione della data di morte indicata in modo errato.

La risposta dell’Agenzia delle Entrate con interpello numero 464/2019

Estrapoliamo dall’interpello la parte finale riguardante la risposta diretta: “Nel caso in esame deve ritenersi che la contribuente possa procedere alla rettifica dell’errore materiale contenuto nella dichiarazione di successione e che non incide nella determinazione della base imponibile, presentando una dichiarazione rettificativa e versando, per le formalità di trascrizione, le imposte catastale e ipotecaria in misura fissa ex articolo 3 della Tariffa, allegata al D.Lgs. n. 347/1990, la tassa ipotecaria, l’imposta di bollo e i tributi speciali (cfr.
Risoluzione n. 23 del 12 febbraio 1997 Dir. AA.GG.)

Rettifiche alle dichiarazione di successione

Sempre l’Agenzia delle Entrate (risposta all’interpello n. 375/2019), specifica che  in caso di errore materiale nella dichiarazione di successione, non incidente sulla base imponibile, è necessario presentare una dichiarazione rettificativa e versare, per le formalità di trascrizione, le imposte catastale e ipotecaria in misura fissa, l’imposta di bollo e i tributi speciali.

Eredità: il Fisco controlla le dichiarazioni di successione, le novità dell’Agenzia


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”