PanSeer, l’esame del sangue che individua precocemente 5 diversi tumori

PanSeer è uno specifico esame del sangue in grado di individuare cinque diversi tipi di tumore con almeno quattro anni di anticipo

L’esame del sangue oggetto di studio sembrerebbe in grado di identificare cinque diversi tipi di tumore con almeno quattro anni di anticipo rispetto a quanto è possibile fare con le odierne tecnologie. La scoperta è stata realizzata da un pool internazionale coordinato dall’Università della California a San Diego in collaborazione con diverse Università cinesi. 

PanSeer: come funziona l’esame del sangue

PanSeer analizza un particolare marcatore del DNA, definito metilazione CpG. Ogni tessuto dell’organismo può essere riconosciuto attraverso la propria firma unica di aplotipi di metilazione (modifiche chimiche del Dna, in cui cambia la struttura). In poche parole, analizzando oltre 1.300 campioni di plasma prelevati da circa 120mila persone, l’esame è stato in grado di rilevare i marcatori del DNA associati ai tumori. 

In particolare, attraverso questo specifico esame del sangue si riuscirebbero ad identificare i tumori allo stomaco, all’esofago, al colon retto, ma anche ai polmoni e al fegato, con un’affidabilità di circa il 91%. Sebbene siano necessari numerosi studi su larga scala, PanSeer potrebbe costituire una svolta nelle analisi di controllo. 

I risultati 

I primi risultati della ricerca, guidata dal professore del Dipartimento di Bioingegneria dell’Università della California, Kun Zhang, sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Nature Communications. I prelievi sono stati effettuati fra il 2008 e il 2018. Le analisi sono, poi, state condotte su 605 volontari che si sono sottoposti all’esame del sangue. 191 di questi hanno avuto una diagnosi di tumore all’esofago, allo stomaco, al colon, ai polmoni o al fegato nei quattro anni successivi al prelievo. 

Al vaglio dei ricercatori anche 223 persone già diagnosticate e campioni sani. PanSeer sarebbe stato in grado di riconoscere l’88% dei tumori nelle persone già diagnosticate, con una specificità, quindi la capacità di non dare falsi negativi, del 96%. Fra le persone asintomatiche il tumore è stato individuato nel 95% di coloro che solo nei quattro anni successivi hanno ricevuto la diagnosi. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp