Esame maturità 2020, cosa dice l’ordinanza

Nell’ultima ordinanza del MIUR sono riportate nuove informazioni relative all’esame di maturità 2020. Vediamo di cosa si parla.

Nei giorni scorsi sono state realizzate delle ordinanze dal MIUR legate all’esame di maturità 2020, a quello di terza media e alla riapertura della scuola prevista nel mese di settembre. Dopo notizie più o meno vere, dopo interviste rilasciate dalla ministra Lucia Azzolina alle diverse riviste e telegiornali, finalmente viene tutto confermato con una prima bozza dell’ordinanza, anticipata sempre dalla stessa ministra dell’Istruzione nei giorni scorsi. Concentriamoci, quindi, sulla questione degli esami di maturità 2020.

Esame maturità 2020, tutte le informazioni riportate nell’ordinanza

Nel corso di questi giorni, come detto sopra, si sono sentite diverse notizie relative all’esame di maturità 2020.

Dalla possibilità di indossare le mascherine, poi diventata certezza, alla questione dell’argomento a piacere e distanza.

Infine, poi, le ultime notizie che parlavano di 5 candidati da esaminare al giorno fino alla confusione generata dall’elaborato, inteso come tesina o meno.

Piano piano, si è entrati anche nel vivo dell’esame orale e della sua struttura.

E’ stata, poi, resa nota la data di inizio degli orali, ovvero il giorno mercoledì 17 giugno 2020, data in origine prevista per lo svolgimento della prima prova scritta, ovvero quella di italiano.

Una prima informazione del tutto nuova sulla data è quella rigurdante l’orario: infatti, gli orali inizieranno quel giorno a partire dalle 8 e 30 di mattina, in ordine alfabetico.

Altra questione è quella del sistema di valutazione dei crediti.

Come detto in precedenza, l’esame orale di maturità avrà la validità di 40 crediti, mentre tutti i crediti dei precedenti anni avranno la validità di 60 nel complesso.

Ma questi come si suddividono? Si contano 18 crediti massimi per il terzo anno, 20 per il quarto e 22 per il quinto anno.

Per poter superare l’esame bisognerà arrivare ad un totale di 60 punti, tra i crediti previsti nei tre anni e quelli legati alla prova orale.

A questi si possono aggiungere anche 5 punti bonus concessi da parte della commissione, come anche la lode una volta raggiunta la votazione di 100, senza, però, l’aiuto dei punti bonus.

Infine, qualora qualche membro della commssione sia impossibilitato a partecipare all’esame, il presidente potrà permettegli di partecipare attraverso una videoconferenza.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.