Esame maturità 2020, sciopero e petizione online degli studenti

Tutti i maturandi sono contro l’esame di maturità di quest’anno. E così hanno realizzato una petizione online e faranno sciopero proprio oggi!

Quasi un mese di distanza separa tutti gli studenti del quinto anno dall’esame di maturià 2020, un esame davvero insolito non solo perché è stato completamente stravolto a causa del Coronavirus e della conseguente quarantena, ma insolito perché tutti gli studenti di Italia sono ancora in difficoltà e soprattutto in piena confusione. L’esperienza della didattica a distanza, per quanto possa essere un successo in termini di percentuale, in realtà, forse quello che non sa il MIUR, è che ha comportato tanti problemi non solo tecnici, ma proprio di contenuto. Per questo motivo, i maturandi di quest’anno di tutta Italia hanno pensato di riunirsi e creare una petizione online con tanto di sciopero da fare proprio oggi.

Maturità 2020, la petizione online e lo sciopero del 13 maggio degli studenti

Insomma, l’esame di maturità non s’ha da fare! E’ questa la richiesta dei maturandi di quest’anno, messi davvero in serie difficoltà a causa del Coronavirus e delle recenti ordinanze del MIUR.

Così, nei giorni scorsi, la  “Rappresentanza Studenti Italiani” ha pensato bene di creare una petizione online su change.org che aveva proprio questo messaggio, perfettamente sintetizzato nel titolo “Stop alla maturità 2020: non è più ora di scherzare”.

La petizione contro la maturità di quest’anno vede come destinari il Premier Giuseppe Conte ed il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina, e chiaramente tutta l’equipe del ministero.

Ma effettivamente cosa chiede con una simile petizione?

Partendo dal presupposto che l’obiettivo della stessa è di raggiungere ben 50mila firme, la petizione vuole che l’esame orale non venga fatto.

Non solo: altre richieste sono la valutazione dello studente o della studentessa prendendo in considerazione la media degli ultimi tre anni, ma anche un bonus di 0-10 punti che deve essere dato dalla commissione interna allo studente, anche qui basandosi sul percorso scolastico.

Infine, altra richiesta, per nulla scontata, è un miglioramento della didattica a distanza, soprattutto per l’aspetto relativo alla partecipazione alla stessa e all’interazione.

E con questo si intende non solo migloramento della connessione o dell’acquisto di dispositivi che possano migliorarla, ma dare la stessa possibilità a tutti gli studenti che magari hanno difficoltà economiche.

Infine, la petizione risulta essere accompagnata anche da uno sciopero deciso per oggi, 13 maggio.

In particolare, si tratta di uno sciopero delle video lezioni con la quale si vuole mostrare la reale situazione in cui gli studenti si trovano e cioè una mancata preparazione adeguata all’esame di maturità 2020.

Per partecipare bisogna non solo non connettersi e non fare lezione, ma condividere l’hashtag #ioscioperodacasa sui diversi social.

 

Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.