Esenzione bollo auto: ha una scadenza e si deve rinnovare?

L’esenzione dal pagamento del bollo auto va rinnovata ogni anno oppure vale anche per gli anni successivi? E come ci si deve comportare se si decide di cambiare veicolo?

A determinate categorie di disabili viene riconosciuto il diritto all’esenzione permanente dal pagamento del bollo auto limitatamente ai veicoli che rientrano nei limiti dei requisiti: 2.000 centimetri cubici per le auto con motore a benzina e 2.800 centimetri cubici per quelle diesel o ibrido, e di potenza non superiore a 150 kW se con motore elettrico.

L’esenzione spetta sia se l’auto è intestata al disabile che se la stessa è intestata ad un familiare cui il disabile è fiscalmente a carico.

Esenzione bollo auto: ha scadenza?

Un lettore scrive per chiedere:

A proposito dell’esenzione bollo auto per disabili la mia domanda è: una volta ottenuto il riconoscimento esenzione bisogna poi rinnovarlo? Cioè ha una scadenza? E poi se si cambia auto come si comunica?e a chi? anche con un modulo on line prestampato?

L’esenzione può essere fruita sempre e soltanto per un veicolo alla volta: al  momento della domanda, infatti, con la documentazione sanitaria dovrà essere anche indicata la targa del veicolo prescelto per godere dell’esenzione dal pagamento del bollo auto.

I documenti dell’esenzione devono essere presentati solo per il primo anno  ed entro 90 giorni dalla scadenza del termine entro cui il bollo andrebbe pagato per quell’annualità.

L’esenzione riconosciuta è valida, quindi, anche per gli anni successivi a quello di riconoscimento e non vi è bisogno di rinnovare la domanda. L’esenzione, in ogni caso, è valida solo fino  a quando persistono le condizioni sanitarie che danno diritto alla fruizione. Al venire meno della condizioni sanitarie, quindi, è cura dell’interessato comunicarlo all’ufficio cui era stata presentata domanda di esenzione.

Esenzione bollo auto: e se si cambia veicolo?

Se si decide di cambiare veicolo bisogna presentare una richiesta di cambio veicolo su cui godere dell’esenzione. Il modulo può essere reperito anche online ma deve cercarlo riferito alla sua regione di residenza. In questo modo si comunica che la targa del veicolo per il quale l’esenzione era stata riconosciuta non è più esente dal pagamento perchè si sposta l’agevolazione su un veicolo diverso (di cui sarà necessario indicare la targa).

Per approfondire consiglio la lettura dell’articolo: Esenzione bollo auto: non sempre con legge 104 spetta


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.