Esenzione ticket sanitario con codice C02, a chi spetta e come funziona

Esenzione ticket sanitario con codice C02 a chi spetta e come richiederlo in base alla recente normativa, ecco tutti i chiarimenti.

Il codice di esenzione ticket sanitario C02 spetta a coloro che hanno una disabilità totale del 100% e sono titolari dell’indennità di accompagnamento. L’ottenimento di questo codice di esenzione, non prevede limiti di reddito, il suo riconoscimento non considera i redditi personali e familiari ma l’handicap grave. La normativa riconosce il benefico dell’esenzione ticket con codice C02 a chiunque indipendentemente dallo stato economico patrimoniale. 

Cosa comprende l’esenzione ticket sanitario con codice C02?

L’esenzione ticket con codice C02, da diritto alle seguenti prestazioni:

  • esami di laboratorio (esame del sangue, urine, ecc.)
  • esami di diagnostica strutturale (ecografie, TAC, ecc.)
  • visite specialistiche presso struttura convenzionata con ASL 
  • altre prestazioni previste nei LEA . 

Queste prestazioni sono completamente gratuite e non bisogna pagare il ticket sanitario, per non pagare devono essere effettuate presso strutture convenzionate ASL o struttura pubblica.

Ticket sanitario farmaci

In riferimento ai farmaci l’esenzione alle persone invalide con esenzione ticket codice C02, la legislazione nazionale non prevede l’esenzione. Lo Stato, classifica i medicinali in base a fasce specifiche:

Fascia A: farmaci gratuiti per tutti, soggetti esenti e non esenti;

Fascia A con nota AIFA: sono esenti solo per le persone che hanno i requisiti richiesti dalla nota AIFA;

Fascia C: medicinali a pagamento per tutti, senza distinzioni. 

L’esenzione ticket sanitario sono varie e riguardano molte tipologie di contribuenti, la più conosciuta è l’esenzione per reddito E02 a seguire quella per i pensionati e i bambini fino a sei anni E01

Esenzione a scadenza

Bisogna rammentare che l’attestato di esenzione ticket sanitario può essere a durata limitata (di solito un anno) o illimitata (per sempre). 

In linea generale con un invalidità al 100 per cento, il certificato di esenzione ha una validità illimitata. Nel caso in cui si  tratta di una patologia o menomazione che può migliorare nel tempo, l’ASL rilascia un certificato di esenzione con validità limitata che alla scadenza dovrà essere rinnovato

Molto dipende dal verbale di invalidità se soggetto a revisione o meno. Se soggetto a rinnovo il più delle volte anche il certificato di esenzione è a scadenza da rinnovare. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”