Esenzione ticket sanitario e percentuale di invalidità per l’assegno

Esenzione ticket sanitario e percentuale d’invalidità che danno diritto alle agevolazioni e alla fruizione di un assegno, i chiarimenti.

Abbiamo esaminato l’esenzione ticket in base al reddito con i codici: E01 -E02 -E014 – E015. In quest’articolo parleremo dell’esenzione ticket per le malattie rare e come ottenere il riconoscimento dell’invalidità che permetta la fruizione delle varie agevolazioni.

Malattie rare

Una nostra lettrice ci pone la seguente domanda: Buonasera sono una mamma di una ragazza di diciotto anni con connettivite indifferenziata più trombofilia genetica diagnosticata da quattro anni. Già ha esenzione ticket 067. Vorrei sapere se ha diritto ad altro. Grazie

Analizziamo a cosa si ha diritto. 

Esenzione malattie rare

Le malattie rare sono patologie gravi e difficile da diagnosticare; colpiscono un numero di persone ridotto, ed è per questo motivo che il più delle volte sono prive di terapie specifiche e difficili da diagnosticare.

Con l’approvazione del Decreto ministeriale n. 279 nel 2001, le persone affette da queste malattie rare posso accedere all’esenzione ticket sanitario. Nello specifico:

  • Codice 059 – malattia celiaca;
  • Codice 065 – sindrome di Down;
  • Codice 066 – sindrome di Klinefelter;
  • Codice 067 – connettiviti indifferenziate.

Percentuale di invalidità che dà diritto alle agevolazioni

Invalidità civile viene riconosciuta ad un cittadino che ha un’età compresa tra i 18 e i 65 anni affetto da menomazioni congenite o acquisite. Compresi anche le patologie psichiche e insufficienti mentali che rilevano una riduzione della capacità lavorativa superiore a un terzo.

L’Invalidità civile in Italia si basa alla capacità lavorativa del richiedete e sull’impossibilità di svolgere l’attività e i compiti assegnati. L’invalidità dev’essere certificata dall’Inps in base ad una commissione medica di valutazione dell’ASL.

Nel caso di valutazione di malattie rare è consigliato documentare il più possibile la gravità della malattia, in quanto come sopra esposto, essendo malattie poco conosciute si tende a sottovalutare i sintomi e la gravità. Si consiglia, in questi casi di farsi supportare da un medico di fiducia durante la visita di accertamento dell’Inps.

L’invalidità viene riconosciuta in base ad una percentuale che permetterà di accedere a varie agevolazioni.

Ti potrebbe interessare: Esenzione ticket per malattie croniche, introdotte 6 nuove patologie

Percentuali invalidanti

Di seguito elenchiamo le percentuali e le agevolazioni ad esse collegate:

  • Non invalido: con percentuale invalidante meno del 33%;
  • Diritto a protesi e ad ausili subordinata dalla certificazione medica di invalidità: con una percentuale da 34%;
  • Collocamento mirato: con una percentuale da 46%;
  • Diritto al congedo per cure se previsto nel contratto di lavoro di categoria: con una percentuale da 51%;
  •  Diritto alla tessera regionale di libera circolazione con agevolazioni sulla tariffa, solo con un ISEE uguale o inferiore a 16.000 euro. Prevista esenzione alla spesa sanitaria con esclusione della quota fissa: con una percentuale da 67%;
  • Assegno mensile di assistenza per i richiedenti avente un’età compresa tra i 18 e 65 anni. Bisogna trovarsi nella condizione di non avere un impiego e rispettare i limiti di reddito richiesti. Inoltre, tale misura è incompatibili con altri redditi pensionistici. Per i soggetti che superano i 65 anni di età è previsto l’assegno sociale Inps: con una percentuale da 75%;
  • Diritto a tutte le agevolazioni elencate compre la pensione di inabilità per i soggetti con un’età compresa tra i 18 e i 65 anni, sempre considerando i limiti reddituali: con una percentuale del 100%;
  • Con la percentuale al 100% è possibile fare richiesta anche dell’indennità di accompagnamento, quando il soggetto richiedente si trova in una situazione incapace di deambulare e compiere gli atti giornalieri di vita quotidiana.

Solo dopo che la commissione medica valuterà la gravità della malattia rara attribuendo una percentuale invalidità. è possibile accedere alle agevolazioni indicate.

Ti potrebbe interessare: Visita fiscale e fasce di reperibilità: elenco patologie invalidanti che danno diritto all’esonero


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Proprietaria, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”