Esonero visita fiscale: quando è possibile e per quali patologie

In quali casi il lavoratore può essere esonerato dalla reperibilità durante le fasce stabilite per la visita fiscale?

Con il decreto Madia 2016/2017, sono state introdotte delle modifiche all’esonero della reperibilità per visita fiscale, inizialmente previsto soltanto per i dipendenti dl pubblico impiego. E’ doveroso, in ogni caso, precisare che l’esonero non esenta dalla visita fiscale (che può essere comunque concordata) ma soltanto dalla reperibilità nelle fasce stabilite dalla legge.

Esonero reperibilità visita fiscale

Un nostro lettore ci chiede:

Gentili signori,

leggevo su internet le informazioni relativamente al contenuto in oggetto.

Vorrei presentarvi un caso di malattia degenerativa del sistema nervoso (rara – invalidante) con percentuale di invalidità 80%, lavoro privato part time-legge 104.

Nel caso di mutua per influenza, in cui è stato contrassegnato dal medico nel certificato, lo stato patologico sotteso o connesso alla situazione di invalidità riconosciuta, si può essere esonerati dalle visite, o l’azienda può comunque richiedere un controllo?

Grazie in anticipo per la vs. gentile risposta o modalità con la quale è possibile chiedervi consulenza.

Cordiali saluti

Per poter ottenere l’esonero dalla reperibilità dalla visita fiscale è necessario che le cause o i motivi della malattia rientrino nei seguenti:

patologie che richiedono terapie salvavita

malattia per causa di servizio riconosciuta

stati patologici sottesi all’invalidità riconosciuta pari o superiore al 67%

In quest’ultimo caso, però, solo per le malattie contenute nell’elenco che potrete trovare nel seguente articolo: Visita fiscale in malattia, esonero reperibilità, in quali casi è previsto? Le novità e i chiarimenti INPS

Non basta quindi invalidità al 67% per poter essere esclusi dalla reperibilità dalla visita fiscale.

Inoltre, è bene precisarlo, lo stato patologico per cui si è assenti dal lavoro per malattia, deve essere connesso all’invalidità certificata.

Nel suo caso, quindi, può avere l’esonero dalla reperibilità solo se soddisfa entrambi i seguenti punti:

  • la sua patologia invalidante è contenuta nell’elenco di quelle per cui è previsto l’esonero
  • se lo stato di malattia per cui si assenta dal lavoro è connesso allo stato di invalidità (per l’esempio che riporta, quindi, solo se l’influenza che la fa assentare dal lavoro, è connessa allo stato di invalidità)

Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.