Evasione fiscale: ecco come il Fisco controlla nelle nostre tasche

Evasione fiscale: i tecnici del Mef stanno mettendo a punto una soluzione per mettere a confronto i dati già in possesso del Fisco, ecco le novità

È in arrivo un nuovo strumento per la lotta all’evasione fiscale: l’evasometro anonimizzato. Il Fisco anche se non conosce i dati anagrafici di una persona sa ugualmente chi sei, quanto guadagni, quanto spendi e quindi anche se evadi le tasse. Questo nuovo strumento sarà computerizzato e controllerà tutti i comportamenti dei contribuenti, in caso di anomalia, allora individuerà la persona.

Evasione fiscale: inizia il “grande fratello”

La nuova legge di Bilancio 2020 con il decreto ad essa collegata introduce una specie di “grande fratello” fiscale, capace di incrociare tra loro i dati dei movimenti bancari contenuti nella super-anagrafe dei conti correnti con i dati delle fatture, delle transazioni economiche o dei consumi privati. Ovviamente, si confronterà il tutto con i redditi dichiarati e con l’ammontare dei patrimoni, in modo le incongruenze vengono fuori.

Il Fisco ha già le banche dati piene di informazione, bisogna solo trovare il metodo per confrontarli tra loro.  L’ostacolo da superare in primis sono le norme sulla privacy, quindi la riservatezza dei dati personali che è inderogabile. Non c’è possibilità di creare e utilizzare una banca in cui inserire le abitudini di spesa e di consumo o l’utilizzo del proprio denaro, non associando in partenza il comportamento alla persona. Le norma sulla violazione della privacy possono essere eluse solo se si è certi che si è commesso un illecito, allora a quel punto la privacy non protegge più.

Evasione fiscale: evasometro anonimizzato

Una soluzione possibile fosse quella di anonimizzare i contribuenti italiani in partenza, assegnando un codice identificativo, ciascuno, che permetterà di incrociare i dati e informazioni che lo riguardano senza alcun bisogno di conoscere il suo nome. Questo metodo potrebbe essere la giusta soluzione per il Governo. Il Fisco potrà associare un codice identificativo al codice fiscale per arrivare alla loro identità e in questo modo si potrà far scattare nei loro confronti le richieste di chiarimenti e giustificazioni preliminari all’accertamento dei redditi e delle imposte dovute.

L’anonimato iniziale dovrebbe superare i rilievi del Garante della privacy ad una profilazione anticipata che ci sarebbe stata se l’Amministrazione finanziaria avrebbe conosciuto i dati dei contribuenti prima di iniziare l’analisi dei dati. Per conoscere nel dettaglio il funzionamento che i tecnici del Mef stanno studiando, bisogna attendere la prossima settimana. Quando verrà depositata la versione definitiva del disegno di legge di Bilancio della manovra 2020 che verrà esaminata in Parlamento per l’approvazione entro la fine dell’anno.

Lotteria degli scontrini: come confrontare i dati

Questo metodo potrebbe essere utilizzato anche per la lotteria degli scontrini che arriverà per il prossimo anno. Per evitare il rischio di violazione delle norme alla privacy nel momento in cui si fornisce al commerciante il proprio numero di codice fiscale per l’acquisto di un prodotto o di un servizio, il contribuente potrebbe utilizzare un codice Qr a barre che sostituisce il codice fiscale, ma è ad esso collegato. In questo modo si eviterebbe di comunicare il proprio codice fiscale all’esercente. Nello stesso tempo il Fisco ha la possibilità di associare l’operazione svolta, e l’eventuale vincita, al nominativo del soggetto.

Lotteria degli scontrini per combattere l’evasione: con estrazioni mensili


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.