F1, il progetto grandioso entro il 2030 a impatto zero

La Formula1 entro il 2030 vuole attuare un progetto grandioso per azzerare, una volta per tutte, le emissioni di gas serra!

La Formula1 entro il 2030 vuole attuare un progetto grandioso per azzerare, una volta per tutte, le emissioni di gas serra! Il piano, nell’arco di undici anni, interesserà proprio tutto ciò che c’è dietro la preparazione delle velocissime monoposto del circus. L’obiettivo di questo sport è di renderlo sempre più sostenibile e interesserà a 360° tutte le parti in gioco e dare inizio all’eliminazione della CO2. Questo progetto ambizioso non riguarderà solo la sfera delle vetture ma l’intero indotto dell’industria automobilistica.

F1 2030 il ruolo centrale della Power Unit

La Formula1 punta, da sempre, su una tecnologia sempre più avanzata ed innovativa. Quali saranno i punti forte per strizzare l’occhio all’ambiente e rendere questo sport sempre più sostenibile? Si impegnerà sul sistema di recupero di energia, della power unit e dell’aerodinamica: lo scopo infatti è quello di controllare e limitare le emissioni di carbonio del motore rendendolo più potente e con un minor consumo di carburante. La Power Unit avrà un ruolo centrale nel settore delle automobili, il propulsore ibrido della Formula1, il sistema di recupero di energie e gli innovativi carburanti sostenibili saranno fondamentali per concretizzare, globalmente, l’azzeramento di emissioni di CO2.

F1 2030 l’attenzione all’ambiente grazie alla logistica e alla rivoluzione green

Il progetto non riguarda solo le monoposto della Formula1, le piste e l’azzeramento di CO2 ma ingloba anche la logistica e l’efficienza nei viaggi. Tutto deve essere all’insegna del rinnovamento e anche le strutture devono essere riutilizzabili. Ma non solo perché ogni singolo aspetto che gravita attorno al paddock strizzerà l’occhio a questa vera rivoluzione circolare e ‘green’ abolendo le plastiche monouso e puntando sull’adozioni di materiali compostabili e riciclabili. Questo piano avrà un effetto positivo anche sulle popolazioni locali migliorando le loro condizioni e consentendo agli appassionati di Formula1 di seguire le gare in un’ottica sempre più ecologica.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube