Fantasmi e apparizioni: ecco come li spiega la Scienza

Ecco come la scienza spiega le apparizioni paranormali e gli avvistamenti di fantasmi sempre più comuni in tutto il mondo

Che i fantasmi siano reali è una convinzione estremamente comune nel mondo. Ad esempio, secondo un sondaggio il 45% degli americani crede nel paranormale. Proprio per questo motivo la scienza spesso studia questi fenomeni e cerca di dare risposte a tutti coloro i quali pensano di aver visto qualcosa di insolito nel corso della propria vita. “Per oltre 200 anni, molte persone, persino scienziati, hanno cercato prove per i fantasmi e la vita dopo la morte”, ha scritto Sherry A. Hill, ricercatore paranormale e autore di Scientifical Americans: The Culture of Amateur Paranormal Researchers, in un  recente blog . “Ci sono milioni di pagine di precedenti ricerche e sperimentazioni su idee paranormali. La prova definitiva non è mai stata trovata. “

Ecco come la scienza spiega le apparizioni paranormali e gli avvistamenti di fantasmi

Ma secondo Benjamin Radford, autore di  Investigating Ghosts: The Scientific Search for Spirits, le spiegazioni logiche sono abbondanti. “Ci sono vari motivi per cui le persone sperimentano i fantasmi o, più correttamente, sperimentano ciò che poi interpretano come fantasmi”.

“I due più potenti fattori psicologici implicati nelle fantasie sono il contesto e la convinzione”, ha dichiarato Christopher French, professore di psicologia e capo dell’unità di ricerca sulla psicologia anomalistica all’Università di Londra. Ciò significa, semplicemente, che se una persona si aspetta che un posto sia infestato da fantasmi, allora molto probabilmente penseranno di vedere qualcosa.

“Gli studi dimostrano che se alle persone viene detto che un luogo è infestato, riportano anomalie, avvertono presenze, brividi lungo la schiena, cambiamenti di temperatura, ecc, mentre ciò non avviene se quel suggerimento non viene loro dato”, dice, aggiungendo che “i credenti nel paranormale sono più sensibili a tali suggerimenti rispetto agli scettici”.

“Spesso le persone prendono le loro idee da film horror, da programmi TV, come cacciatori di fantasmi o avventure di fantasmi e cose del genere”, ha detto Benjamin Radford, ricercatore presso il Comitato no profit  per l’indagine scettica . “Quindi spesso chi va a vedere un film horror, anche se sa che è un film, che si tratta di attori,  che c’è una sceneggiatura, effetti speciali etc, sono maggiormente portati a credere anche che ciò possa avvenire nella vita reale. “

Spesso le persone riferiscono esperienze relative ad avvistamenti di fantasmi o apparizioni che coinvolgono altri sensi, “come sentire voci o passi, sentire profumi o la sensazione di essere toccati”.  Su queste cose ci sono molte possibili spiegazioni.

Ad esempio, le esperienze allucinatorie sono molto più comuni nella popolazione non clinica di quanto generalmente si pensi”, osserva il professor Christopher French. Un esempio particolarmente comune è quello che viene chiamato con il nome di paralisi del sonno. “Ciò si verifica in quello stato tra sonno e veglia e comporta un periodo di paralisi temporanea a volte accompagnato da vivide allucinazioni.”

Ci sono, naturalmente, alcune condizioni neurologiche che potrebbero portare a spaventose allucinazioni, ma nella maggior parte dei casi, dice, non sono necessarie tali condizioni. “Il fenomeno comune di vedere i volti in forme visive casuali come nuvole, ombre o motivi nella carta da parati è un fenomeno perfettamente normale”, sottolinea.

Infine, osserva che numerosi studi fanno molto per spiegare i casi di “presunti fantasmi”, ma possono essere coinvolti anche altri fattori. “Ad esempio”, afferma, “molti eventi inizialmente” inspiegabili “risultano spiegabili a seguito di ulteriori indagini. Il movimento di piccoli oggetti può essere causato dalle vibrazioni del passaggio del traffico. 

Solo perché qualcuno non può pensare a una spiegazione per un evento non significa che non possa esisterne una. ” Quanto al perché le persone sembrano così ansiose di credere ai fantasmi e ad altre prove dell’aldilà, si tratterebbe di un qualcosa facile da spiegare. “ Alla fine, moriremo tutti e molti di noi vorrebbero pensare che ci sia qualcosa dopo la morte”.

Ti potrebbe interessare: Lo strano caso delle colline magnetiche


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp