Fattura elettronica: data fine mese per la differita, ultimi chiarimenti

Fattura elettronica e data di emissione fine mese per la fattura differita, i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate, le ultime novità.

Tanti i dubbi sull’emissione della fattura elettronica differita, a chiarire il tutto un interpello dell’Agenzia delle Entrate il numero 389 del 24 settembre 2019, che specifica la data da indicare in fattura. In particolare, è stata definitivamente ammessa l’indicazione convenzionale dell’ultimo giorno del mese di effettuazione dell’operazione.

Pertanto, in base a tale pronuncia, è stato definitivamente chiarito che gli operatori potranno predisporre la fattura nei primi giorni del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione e indicare in fattura la data dell’ultimo giorno del mese di esigibilità dell’imposta (e non necessariamente la data di almeno una delle operazioni di consegna o la data dell’ultima operazione, come affermato nella circolare Agenzia Entrate n. 14/E del 17 giugno 2019).

Fattura elettronica: la data emissione deve coincidere con quella del file Xml, le novità dell’Agenzia


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”