Fattura elettronica nell’editoria, cosa cambia dal 2019

Fattura elettronica dal 2019, cosa cambia nel settore editoria, tutti gli aggiornamenti.

Fattura elettronica in vigore dal 2019, cosa cambia nel settore editoria, il sole 24 ore, precisa il regime particolare di questo settore e ne evidenzia la sua applicazione

Fattura elettronica nell’editoria

Nell’ambito dell’editoria, gli editori di prodotti cartacei non sono generalmente obbligati alla fattura elettronica, poiché si tratta di operazioni fuori dal campo di applicazione dell’Iva. Tuttavia, se gli editori decidessero di emettere fattura per certificare le operazioni, sarà necessaria la fattura elettronica via Sdi, utilizzando il formato Xml con il codice natura “N2”. Alle stesse considerazioni è possibile pervenire anche in relazione ai successivi trasferimenti dei prodotti editoriali in regime speciale dagli editori ai distributori e da questi ai rivenditori.

Regime speciale IVA

Sono escluse dal regime speciale Iva le cessioni di prodotti editoriali in formato elettronico. Di conseguenza, si dovranno applicare le ordinarie disposizioni di emissione di fattura elettronica.

Leggi anche: Fattura elettronica 2019, cosa cambia per minimi – forfettari e le cooperative agricole – soci


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.