Fattura elettronica: scade l’adesione al servizio di consultazione, che succede a chi non aderisce?

Fattura elettronica: oggi scade il tempo utile per aderire al servizio di consultazione, ma cosa accadrà a chi non aderisce?

Oggi, 31 ottobre 2019, è l’ultimo giorno utile per aderire, anche se in maniera facoltativa, al servizio di consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche dell’Agenzia delle Entrate.

Fattura elettronica: la procedura

Dal 1° gennaio 2019 c’è l’obbligo di emettere fattura elettronica per la cessione di beni tra soggetti residenti o stabiliti in Italia. L’agenzia dell’Entrate fino ad oggi ha memorizzato temporaneamente le fatture elettroniche come stabilito dalle istruzioni del Garante per la protezione dei dati personali, in moda da acquisire solo dati di natura fiscale contenuti nelle fatture e fornire un servizio facoltativo per consultare o scaricare i documenti in formato XML transitati per il Servizio di Interscambio (SdI).

Fattura elettronica: adesione fino al 31 ottobre per la consultazione

Oggi scade il tempo per attivare il servizio gratuito di consultazione on line delle fatture elettroniche dell’Agenzia delle Entrate. Il servizio dà la possibilità al contribuente di consultare e scaricare le e-fatture sia emesse sia ricevute a partire dal 1° gennaio. Per poter attivare il servizio, il contribuente deve accettare un accordo con l’Agenzia dell’Entrate, in cui manifesta la volontà di aderire al servizio e dà il proprio consenso all’Agenzia per memorizzare e conservare i dati delle fatture in formato elettronico.

Qualora il contribuente non aderisse al servizio di consultazione l’Agenzia cancellerà entro 60 giorni tutti i file delle fatture elettroniche.

Che succede a chi non aderisce?

Se il contribuente non aderisce al servizio, non vi è nessun inserimento in blacklist, in quanto l’adesione è facoltativa. Riassumendo i soggetti che aderiscono entro oggi potranno consultare o scaricare i file delle fatture elettroniche solo dopo il consenso espresso. In caso di mancata adesione, l’Agenzia delle Entrate cancellerà tutti i file delle fatture elettroniche memorizzati durante il periodo transitorio entro il termine di 60 giorni e ma verranno conservati solo i dati fiscalmente utili per i consueti controlli autorizzati.  L’Agenzia nella risposta n. 25 del 19 luglio 2019, ha chiarito che anche con la mancata adesione al servizio di consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche, effettuerà i controlli incrociati con i dati fiscali che resteranno memorizzati, anche dopo l’eliminazione del file completo della fattura elettronica.

Fattura elettronica e dichiarazione Iva precompilata, le novità


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.