Fatturazione elettronica: l’obbligo salta per medici e farmacisti

Pur di evitare la proroga all’avvio della fatturazione elettronica, prevista per il 1° gennaio 2019, si è ritenuto necessario escludere da tale obbligo alcune categorie, come: studi medici, farmacie e altri operatori sanitari. Questo è possibile, anche perché, medici e farmacie già comunicano i dati all’amministrazione finanziaria ai fini dell’inserimento delle spese nel 730 precompilato […]

Pur di evitare la proroga all’avvio della fatturazione elettronica, prevista per il 1° gennaio 2019, si è ritenuto necessario escludere da tale obbligo alcune categorie, come: studi medici, farmacie e altri operatori sanitari. Questo è possibile, anche perché, medici e farmacie già comunicano i dati all’amministrazione finanziaria ai fini dell’inserimento delle spese nel 730 precompilato e quindi l’esenzione dell’emissione delle fatture elettroniche a tali categorie risulta meno critica rispetto ad una proroga per tutti i settori.

Il Governo con questo provvedimento cerca di limitare i problemi legati alla privacy mossi dall’autorità Garante privacy al riguardo dei dati sensibili legati alla salute dei contribuenti e inseriti nella e-fattura.

Oltre ai medici e farmacie sono stati esentati dall’obbligo di emissione della fattura elettronica anche le associazioni sportive dilettantistiche che realizzano proventi inferiori ai 65 mila euro annui.

Per le società che gestiscono servizi pubblici verranno fornite regole ben precise dall’Agenzia dell’Entrate. Verranno stabilite le modalità tecniche per l’emissione delle fatture elettroniche tramite il SdI , le società interessate sono quelle del settore della telecomunicazione, della gestione dei rifiuti e dei servizi di fognatura e depurazione. Tutto ciò è stato previsto da alcuni emendamenti redatti da Emiliano Fenu senatore M5S con il dl n. 119/2018, in corso di esame presso la commissione finanze del senato.

Fattura elettronica: semplificazioni sanità

Il governo per il solo anno 2019 ha stabilito l’esonero per i soggetti come medici e farmacisti di emettere fattura elettronica per le stesse operazioni che già trasmettono i dati al fisco tramite il sistema tessera sanitaria. Questo anche in relazione al parere dell’Autorità garante per la protezione dei dati personali. Inoltre i dati acquisiti dalle Entrate oltre ad essere usati per la precompilazione dei redditi possono essere usati anche per altri scopi di controllo.

Fattura elettronica: società sportive

L’esonero riguarda anche le associazioni sportive dilettantistiche che usufruiscono della tassazione agevolata ex articoli 1 e 2 della legge n. 398/1991. Le Società Sportive Dilettantistiche, che sono affiliate alle federazioni sportive nazionali o agli enti di promozione sportiva riconosciuti, possono beneficiare dell’esonero solo chi ha conseguito nel periodo d’imposta precedente ricavi da attività commerciali superiori ai 65 mila euro. Mentre è obbligo dei concessionari emettere fatture per i contratti di sponsorizzazioni e pubblicità.

Fattura Elettronica: esclusa la proroga

Il governo esclude a priori la possibilità di proroga per l’avvio della fatturazione elettronica, anche se sembrava che ci fosse uno spiraglio dopo l’intervento del Garante della privacy.

Il motivo principale per cui il governo non intende spostare l’entrata in vigore dell’obbligo della fattura elettronica è sicuramente la lotta contro l’evasione fiscale dell’IVA.

Infatti dal controllo dei dati trasmessi tramite il SdI dell’Agenzia delle Entrate, il Governo si aspetta di poter recuperare ben 2 miliardi di euro. Quindi è proprio il gettito fiscale atteso il principale motivo per cui il nuovo Governo dichiarato a gran voce di non voler prorogare il provvedimento.

Fattura elettronica dal 1° gennaio 2019, non ci sarà nessuna proroga

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.