FCA riconsidera la data di riavvio della produzione in USA

Il gruppo FCA sta riconsiderando i suoi piani per riavviare parte della sua produzione negli Stati Uniti, con le fabbriche che potrebbero ripartire il 18 maggio

Fiat Chrysler Automobiles sta riconsiderando i suoi piani per riavviare parte della sua produzione negli Stati Uniti, dato il lungo periodo di blocco del Michigan. FCA aveva dichiarato che dal 4 maggio avrebbe ripreso una parte della sua produzione statunitense.  La settimana scorsa, il governatore Gretchen Whitmer ha esteso un ordine esecutivo che mantiene chiuse le attività non essenziali dello stato fino al 15 maggio per mitigare la diffusione del coronavirus. In una dichiarazione lunedì, il portavoce di FCA Jodi Tinson ha detto: “È importante che i nostri dipendenti siano fiduciosi che siano state prese tutte le precauzioni per garantire che le nostre strutture siano sicure, protette e igienizzate quando la produzione riprenderà.”

FCA sta riconsiderando i suoi piani per riavviare parte della sua produzione negli Stati Uniti

“Alla stato attuale, la società sta rivalutando i suoi piani di ripresa delle operazioni in Nord America e comunicherà le nuove date di riavvio a tempo debito. ” FCA ha ripreso la produzione di furgoni lunedì nello stabilimento di Atessa, nel centro Italia, secondo i rapporti pubblicati. Tale riavvio giunge una settimana prima che il paese preveda di revocare un blocco nazionale contro il coronavirus.

Tinson ha dichiarato che FCA continuerà a lavorare diligentemente per attuare le misure di sicurezza in tutte le sue operazioni in Nord America. “Come famiglia FCA globale, condividiamo le migliori pratiche che hanno consentito il riavvio delle operazioni nei nostri stabilimenti in Cina e questa settimana, con il sostegno dei sindacati, nei nostri stabilimenti italiani”, ha affermato Tinson.

Nel frattempo, secondo quanto riportato da un rapporto del Wall Street Journal lunedì, General Motors, Ford Motor Co. e FCA stanno prendendo di mira il 18 maggio per riavviare la produzione nei loro stabilimenti statunitensi.

Tutte e tre le case automobilistiche hanno chiuso i loro impianti a marzo a causa della pandemia di coronavirus. I dirigenti delle compagnie si sono provvisoriamente trovati d’accordo sulla linea temporale del 18 maggio dopo aver parlato con l’UAW e l’ufficio di Whitmer, secondo quanto riportato dal Journal.

Ti potrebbe interessare: FCA: fino al 30 aprile sconti su Alfa Romeo, Fiat e Jeep e prima rata a gennaio 2021


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp