Febbre da West Nile, la prima vittima in Italia, ecco dove

Muore un anziano uomo per la febbre da West Nile, ecco a cosa stare attenti.

Il primo caso di decesso in Veneto, anziano di 77 anni, residente a Cento, in provincia di Ferrara, già sofferente di problemi cronici cardiorespiratori, è morto all’ospedale ferrarese di Cona dopo aver contratto il virus West Nile. L’anziano uomo è stato ricoverato la prima volta il 24 luglio, nel suo paesino di residenza, ma le sue condizioni sono state peggiorate e il giorno dopo è stato trasferito a Cona. Li è stato diagnosticato con una forte meningoencefalite da West Nile. Le sue condizioni di salute peggioravano sempre di più, ed è morto proprio ieri mattina, purtroppo non c’è stato nulla da fare.

Sono 19 i casi da febbre West Nile, registrati in Veneto

Allarme Zanzare West Nile: come difendersi dal contagio della zanzara killer

Un altro episodio grave, sempre nella regione Veneto, anche qui il virus ha colpito una persona anziana affetta da patologie pregresse e, quindi, già indebolita.

Allarme in Veneto, dopo la malattia trasmessa dalle zanzare infette ha colpito ancora. L’assessore regionale alla Sanità, Lucio Coletto, cerca di tranquillizzare la gente dicendo: ”La rete di monitoraggio, i controlli e gli interventi in caso di necessità sono tutti attivati: è attivo il piano regionale di sorveglianza e i dipartimenti di prevenzione collaborano con i comuni, nei Pronto soccorso e nei reparti ospedalieri. L’eventualità che determinati sintomi possano essere ricondotti alla West Nile è attentamente considerata e, al minimo dubbio, si fanno gli esami e si erogano le cure necessarie’’ Inseguito a questa dichiarazione, l’assessore regionale suggerisce: ”Non abbandonare oggetti e contenitori di qualsiasi natura e dimensioni dove possa raccogliersi l’acqua piovana. Svuotare giornalmente qualsiasi contenitore di uso comune con presenza di acqua. Coprire ermeticamente i contenitori d’acqua inamovibili come bidoni e cisterne’’.

Allarme Zanzara Killer: la febbre del Nilo scatena il panico nelle spiagge di Jesolo

Si ricorda che nella maggior parte delle persone infette, non ci sono sintomi evidenti, ma solo leggero mal di testa, febbre e nausea, ma questo solo in una piccola percentuale delle persone contagiate.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.