Ferie 2019 retribuite e arretrate: scadenza, domanda e come ottimizzarle

A quante ferie abbiamo diritto nel 2019? Come aumentarle con quelle non godute dal 2018? Domanda e scadenza ferie arretrate e nuove. Calendario festivi e ponti 2019.

L’anno nuovo è appena iniziato, anzi qualcuno è ancora in ferie per le vacanza natalizie. Ma altri già pensano alle ferie 2019: a quanti giorni di riposo si ha diritto per contratto? Entro quando vanno usate quelle arretrate non godute? Si può rinunciare ad alcuni giorni di ferie in cambio di una retribuzione aggiuntiva a titolo di indennità? Ecco tutto quello che c’è da sapere sulle regole ferie 2019 per ottimizzare al meglio la richiesta dei giorni in vista di viaggi o riposo.

Ferie 2019: quanti giorni e come fare domanda

Le ferie sono un diritto irrinunciabile ex articolo 36 della Costituzione; l’articolo 2109 del codice civile riconosce un periodo di ferie retribuito la cui durata è stabilita da legge, usi o equità in proporzione alla durata della prestazione lavorativa. Attualmente, e quindi anche per le ferie 2019, il periodo minimo è fissato a quattro settimane di cui almeno due da godere preferibilmente in modo continuativo. Le restanti due settimane devono essere consumate nei 18 mesi successivi alla fine dell’anno di maturazione, anche in modo non continuativo. Regole diverse eventualmente possono essere previste dalla contrattazione collettiva (nel senso che possono essere riconosciuti più giorni di ferie). Non meno di quattro settimane di ferie l’anno quindi. Lo stesso vale anche per i lavoratori con contratto part time orizzontale (nel caso di part time verticale invece vengono riproporzionate).
Neanche la malattia può compromettere questo diritto: se la malattia si verifica durante le ferie infatti queste si interrompono (il riferimento è all’articolo 6 della Conv. OIL n.132/1970 che proibisce la sovrapposizione del periodo delle ferie con altre motivazioni di astensione dal lavoro). E’ soggetto a sanzione amministrativa pecuniaria il datore di lavoro che non consente al dipendente di godere di due settimane di ferie nel corso dell’anno di maturazione.

Il datore di lavoro può rifiutare le ferie?

Ma chi sceglie quando far cadere il periodo di ferie?

Leggi anche: Guida completa alle Ferie Aziendali

Il fatto che le ferie sono un diritto irrinunciabile non significa però che, se sussistono motivate esigenze aziendali, il datore non possa negarle. Ecco perché è buona regola chiedere con preavviso l’approvazione del piano ferie. Se si percepisce che il rifiuto non è motivato ma configura mobbing, ci si può rivolgere alla Direzione territoriale del lavoro. Il datore che viola il diritto di ferie del lavoratore, rischia di essere multato con una sanzione che va dai 130 ai 780 euro. Può anche accadere che il datore in un primo momento approvi il piano ferie ma che, per sopravvenute esigenze aziendali, le neghi in un secondo momento. In questo caso però l’azienda dovrà farsi carico del rimborso di eventuali spese di viaggio sostenute dal lavoratore. Analogo discorso vale per eventuale richiesta di rientro anticipato dalle ferie in corso. Aldilà di queste ipotesi la durata delle ferie non può essere ridotta.

Ferie 2019: come avere più giorni

Le ferie arretrate non possono essere monetizzate proprio perché irrinunciabili. L’unico caso in cui viene riconosciuta un’indennità per le ferie non godute è la risoluzione del contratto di lavoro. Un primo modo quindi per avere più ferie nel 2019 delle quattro settimane previste quindi, potrebbe essere intuitivamente quello di recuperare ferie arretrate non godute prima della scadenza.

Leggi anche: Le ferie non godute non si perdono

Calendario festivi e ponti 2019 per avere più giorni con le stesse ferie

A conti fatti, chiedendo i giorni giusti, quest’anno è possibile sfruttare festivi e ponti del 2019 e arrivare a 37 giorni chiedendone 11 di ferie. E’ vero che si “inizia male” con l’Epifania che cade di domenica, ma la primavera offre alcuni ponti interessanti perché Pasqua viene tardi, esattamente il 21 aprile 2019. Si può quindi partire o stare a casa per le vacanze di Pasqua 2019 fino al 25 aprile, giorno della Liberazione
Buone notizie anche per chi pensa già alle ferie estive: nel 2019 Ferragosto cadrà di giovedì.
Anche a Natale 2019 si potrebbe fare un ponte per le vacanze: il 25 dicembre cade di mercoledì.