Ferie e permessi legge 104 dipendenti pubblici, cosa fare per non perdere il diritto

Ferie e permessi legge 104, spesso i dipendenti pubblici rischiano di perdere il diritto: ecco quando succede questo e come fare.

I dipendenti pubblici che fruiscono dei permessi della legge 104 e congedo legge 151, si trovano spesso in difficoltà con le ferie.  Il più delle volte non si maturano ferie e non si riesce a goderle in tempo con il rischio di perderle. Analizziamo cosa prevede la normativa rispondendo ad una nostra lettrice.

Ferie e permessi legge 104, come fare per non perdere il diritto?

Buonasera,
avrei bisogno, cortesemente, di un Vostro chiarimento.

Lavoro nella P.A., ho circa 15 giorni di ferie dell’anno 2019 non godute e dovrei usufruirne entro il 30 aprile, o al massimo entro il 30 giugno. Nel contempo, però, io sono in permesso ex l. 104/1992 e potrei usufruire di tale tipologia di permesso per ben 2 anni, in maniera anche continuativa. Al momento, per le esigenze che ho sto godendo di tale permessi in maniera frazionata. Mi dispiacerebbe perdere le ferie del 2019, qualora avessi l’esigenza di dover prolungare la mia assenza – dall’ufficio – ex l. 104.
Mi potreste dare una risposta in merito?
Nel ringraziarVi anticipatamente, Vi auguro buona serata,
F.

Due le motivazioni da considerare

Il dipendente pubblico può evitare di prendere le ferie solo se si trova nelle seguenti situazioni:

√ ragioni di servizio;

√ per motivi personali (giusta causa e certificata).

Il differimento alle ferie deve essere regolamentato, sempre considerando che il lavoratore deve utilizzare quelle residue e non godute, saranno solo posticipate o rimandate.

In riferimento alle ragioni di servizio per cause ostative non prorogabili o irrevocabili, il lavoratore potrà recuperare quelle non godute l’anno precedente entro il primo semestre dell’anno successivo.

Per gravi motivi personali, invece si potranno godere entro il 30 aprile dell’anno successivo. Se il dipendente in questo lasso di tempo, non può ancora avvantaggiarsi delle ferie spetteranno di diritto fino al 30 aprile dell’anno a seguire, successivo a quello di spettanza e di proroga, solo in via del tutto eccezionale oltre tale periodo.

Va precisato che il grave motivo personale deve essere documentato e certificato, di solito si intende una grave malattia del dipendente pubblico, ad esempio ricovero in ospedale, ecc. L’amministrazione deve essere informata il prima possibile.

Le assenze per malattia non incidono ne impattano negativamente la fruizione delle ferie. Nel caso volge al termine il contratto di lavoro, le ferie non godute per causa di servizio, al dipendente spetta un pagamento sostitutivo equivalente alle ferie non godute.

Nel caso specifico, le consiglio di verificare il suo contratto e di attestare e certificare il suo stato di salute e inviarne comunicazione al suo datore di lavoro e chiedere specificatamente il prolungamento del diritto alle ferie.

Fonte normativa (articolo 10 D. L. 66/2003)


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”