Ferie e permessi legge 104: si possono fruire in contemporanea?

Ferie e permessi legge 104, si possono godere entrambi nella stessa settimana? I permessi l.104 e le ferie sono due istituti diversi e non “non interscambiabile”, ecco la risposta.

Le ferie e i permessi legge 104 si possono fruire insieme? Analizziamo la normativa della legge 104/92 cosa prevede in merito e se tra i giorni di ferie e i tre giorni di permesso legge 104 ci deve essere un periodo in cui bisogna tornare al lavoro. La legge tutela i lavoratori con disabilità tramite vari benefici: permessi legge 104, precedenza delle liste di assunzione, congedi di 30 giorni per cure, ecc. 

Ferie e permessi legge 104

Un lettore ci chiede: “Buongiorno, vi seguo e ho visto che rispondete alle domande dei lettori, vorrei sapere se posso godere delle ferie e dei permessi legge 104 nella stessa settimana, ad esempio su 5 giorni di lavoro 3 giorni di permessi legge 104 e altri 2 come ferie. Grazie, attendo la risposta. Carlo”

La normativa e specifiche

La normativa non trova ostacolo nella fruizione dei permessi legge 104/92 e le ferie nello stesso mese. Da considerare che sono due istituti diversi, aventi carattere differente e “non interscambiabile”. 

Quindi, non c’è nessun limite a fruire di ferie e permessi legge 104, anzi l’interpello del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali al numero 24, specifica che i giorni di permesso legge 104 non devono essere riproporzionati, se il lavoratore nello stesso mese ha fruito di ferie e altri permessi (ad esempio: sindacale, malattia, maternità, ecc.). Precisa che le ferie e i permessi legge 104, non sono interscambiabili perché tutelano due diritti differenti. 

Le ferie sono un diritto del lavoratore e sono irrinunciabili, non sono monetizzabili tranne nel caso di cessazione del rapporto di lavoro. Se il datore non concede le ferie nei periodi stabiliti dalla normativa rischia pesanti sanzioni. 

Nello specifico le ferie sono così suddivise:

Il D.Lgs. numero 66/2013 prevede che le ferie devono essere fruite nel modo seguente:

  • 15 giorni (due settimane), nel corso dell’anno in corso di maturazione, in modo continuativo su  richiesta del lavoratore, fatto salvo diverse disposizione nel CCNL di categoria;
  • ulteriori 15 giorni (due settimane), anche frazionati, entro 18 mesi dal termine dell’anno di maturazione, fatto salvo diverse disposizione nel CCNL di categoria;
  • possibile anche un terzo periodo di ferie residuale, stabilito tra le parti (datore di lavoro e lavoratore). 

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”