Fiat 500L e Punto si trasformano in Suv?

Secondo indiscrezioni Fiat 500L e Punto si potrebbero trasformare in Suv nei prossimi anni, come fatto trapelare da alcune persone vicine al marchio

Secondo indiscrezioni nei prossimi anni una vera e propria rivoluzione potrebbe colpire la gamma di Fiat. Il marchio automobilistico italiano per eccellenza potrebbe vedere trasformare in suv alcuni dei suoi più famosi modelli. Ci riferiamo in particolare a Fiat 500L e Punto. Le due auto potrebbero in futuro tornare sul mercato in una nuova veste. A quanto pare la principale casa automobilistica italiana intende cavalcare il successo commerciale che i suv di tutte le dimensioni stanno vivendo sul mercato in questo momento storico.

Fiat 500L e Punto si potrebbero trasformare in Suv nei prossimi anni

Del resto Fiat 500L vende sempre meno e non stupirebbe che il modello così come lo conosciamo ora possa venire sostituito. Si diceva nei giorni scorsi che con la fine dell’attuale ciclo di produzione il modello poteva non venire riproposto. Adesso si dice che al suo posto nello stabilimento Fiat Chrysler Automobiles di Kragujevac possa arrivare un Suv. La stessa cosa di recente è stata detta anche per Fiat Punto. La celebre vettura del marchio italiano uscita di produzione nel mese di agosto del 2018 potrebbe tornare sul mercato in una veste completamente diversa secondo il capo del marchio Fiat a livello globale Oliver Francois.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler costruirà un nuovo hub per batterie per auto in Italia

Fiat 500L Suv dovrebbe essere la prima delle due ad arrivare con debutto entro la fine del 2021 e approdo sul mercato nel 2022. Per il Suv ispirato alla Fiat Punto invece bisognerà aspettare almeno un anno in più. Se l’erede di 500L sarà costruito a Kragujevac non è ancora chiaro invece dove sarà prodotto l’altro veicolo. Melfi dove veniva costruita la Punto nei prossimi anni ospiterà la produzione di Renegade, Compass e 500X e dunque non è detto che possa ospitare anche questa nuova auto.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube