Fiat Chrysler ha chiesto a 24 mila dipendenti di restituire centinaia di dollari

Fiat Chrysler ha chiesto a 24.000 dipendenti negli Stati Uniti di rimborsare centinaia di dollari in “pagamenti in eccesso”

Fiat Chrysler Automobiles ha chiesto a 24.000 dipendenti negli Stati Uniti di rimborsare centinaia di dollari di “pagamenti in eccesso” da sussidi di disoccupazione supplementari. Lo ha rivelato il Detroit News. Un contratto ratificato tra il sindacato United Auto Workers e il gruppo italo americano lo scorso anno richiedeva che il produttore di auto fornisca una “retribuzione SUB” ai lavoratori temporaneamente licenziati che portava il loro compenso al 74 per cento dei loro soliti salari di 40 ore settimanali. Tuttavia, con ulteriori $ 600 a settimana provenienti dal governo degli Stati Uniti per i disoccupati attraverso il Coronavirus Aid, Relief and Economic Security Act, la compensazione dei lavoratori sta già superando quella soglia del 74%.

Fiat Chrysler Automobiles ha chiesto a 24.000 dipendenti negli Stati Uniti di rimborsare centinaia di dollari in “pagamenti in eccesso”

Ulteriori fondi di disoccupazione sono entrati in vigore retroattivamente dalla settimana che si è conclusa il 4 aprile, quando Fiat Chrysler ha erogato sussidi supplementari per una seconda settimana dopo la chiusura degli stabilimenti nordamericani. Da allora FCA ha annunciato che tratterrà un risarcimento per compensare la sovrapposizione. Il pagamento in eccesso è stato in media di $ 500 e FCA recupererà i soldi facendo $ 100 di riduzioni dei salari ai lavoratori. Alcuni dipendenti hanno anche rimborsato $ 500 in somme forfettarie. Tuttavia, non tutti sono felici di rimborsare quei soldi. “Sento che sono i nostri soldi”, ha dichiarato La Tonya Washington, operaio dello stabilimento di assemblaggio della Sterling Heights della FCA. “Sarà una sfida per tutti ripagarlo. Riprenderlo è come uno schiaffo in faccia a noi. ”

“Il sostegno economico di 600 dollari a settimana fornito nell’ambito della legge CARES approvata a livello federale è una compensazione delle indennità di disoccupazione supplementari versate dalla società che un dipendente può avere diritto a ricevere”, ha dichiarato Fiat Chrysler in una nota. “Poiché la prestazione CARES Act è stata versata retroattivamente, alcuni dipendenti di FCA hanno ricevuto un pagamento in eccesso delle loro prestazioni di disoccupazione supplementari, con una media di circa $ 500, che ora viene loro chiesto di rimborsare”. Il Detroit News riporta che i dipendenti della General Motors e della Ford non hanno ricevuto alcun “pagamento SUB” dai loro datori di lavoro una volta iniziati i pagamenti del governo di $ 600.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler in trattative per oltre 6,3 miliardi di euro di prestito dello stato


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp