Fiat Chrysler in trattative per oltre 6,3 miliardi di euro di prestito dello stato

Fiat Chrysler sarebbe in trattativa con Intesa Sanpaolo per un prestito garantito dallo stato di 6,3 miliardi di euro

Fiat Chrysler Automobiles secondo indiscrezioni sarebbe in trattativa con il finanziatore italiano Intesa Sanpaolo per un prestito garantito dallo stato di 6,3 miliardi di euro per aiutare la casa automobilistica a superare la crisi del coronavirus. La conferma arriverebbe da una fonte vicina alla società italo americana. Il prestito, che fa parte delle misure di liquidità di emergenza che il governo sta mettendo a disposizione delle imprese del paese, deve essere approvato dal consiglio di amministrazione di Intesa Sanpaolo, ha detto la fonte.

Fiat Chrysler sarebbe in trattativa con Intesa Sanpaolo per un prestito garantito dallo stato di 6,3 miliardi di euro

Una volta approvata dal prestatore, la richiesta sarà esaminata dall’agenzia di credito all’esportazione italiana SACE, attraverso la quale lo stato fornisce la sua garanzia, e quindi dal Tesoro prima di ricevere il semaforo verde finale. Fiat Chrysler Automobiles e Intesa Sanpaolo hanno rifiutato di commentare questa voce. La casa automobilistica italo americana sta cercando di aumentare la liquidità dopo aver bruciato $ 5,5 miliardi nel primo trimestre mentre i suoi impianti nordamericani ed europei sono stati chiusi e la domanda di nuove auto bloccata.

Fiat Chrysler e il gruppo francese PSA hanno deciso all’inizio di questa settimana di eliminare i dividendi di 1,1 miliardi di euro che ciascuno ha accettato di pagare come parte dell’accordo di fusione, citando l’impatto negativo della pandemia di coronavirus. Ricordiamo che i due gruppi hanno intenzione di fondersi dando origine al quarto gruppo automobilistico a livello mondiale.

Ti potrebbe interessare: PSA e Fiat Chrysler: il matrimonio verrà accellerato a causa del coronavirus

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp