Fiat Chrysler interromperà la produzione in Serbia

Fiat Chrysler Automobiles ha in programma di interrompere le operazioni nella sua fabbrica in Serbia a causa del coronavirus

Fiat Chrysler Automobiles potrebbe essere la prima casa automobilistica a dover fermare la produzione in Europa a causa del Coronavirus. Il gruppo italo americano del numero uno Mike Manley infatti avrebbe in programma di interrompere le operazioni nella sua fabbrica in Serbia a causa della mancanza di parti dalla Cina. L’impianto Kragujevac della casa automobilistica in Serbia, che produce la Fiat 500L, interromperà temporaneamente la produzione a causa della mancanza di un sistema audio e di altre parti elettroniche provenienti dalla Cina.

Fiat Chrysler Automobiles ha in programma di interrompere le operazioni nella sua fabbrica in Serbia a causa del coronavirus

Un portavoce di Fiat Chrysler per il momento ha rifiutato di commentare questa indiscrezione. La società aveva dichiarato il 6 febbraio che avrebbe potuto chiudere temporaneamente un impianto europeo entro due o quattro settimane se l’impatto del virus avesse continuato a peggiorare, portando a problemi di approvvigionamento. Le case automobilistiche fino ad oggi hanno dovuto affrontare principalmente stop alla produzione nella stessa Cina.

La produzione nello stabilimento è stata di circa 40.000 unità l’anno scorso. Vedremo dunque se realmente le cose andranno così per lo stabilimento di Fiat Chrysler che già negli scorsi mesi ha comunque subito un grosso calo alla produzione a causa della contrazione della domanda per Fiat 500L dovuto al calo di popolarità delle auto monovolume con i consumatori che sempre più spesso puntano su SUV e Crossover.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler prevede un aumento del 6% nel mercato brasiliano


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube