Fido Bancario: tipologie, funzionamento e vantaggi

Fido Bancario: una forma di finanziamento che può sostituire il prestito personale, ecco come si richiede e i requisiti necessari

Il fido bancario è un prodotto finanziario molto semplice e può essere una buona alternativa al prestito personale. Questo può essere utile a chi ha bisogno di piccole somme per poter far quadrare i conti a fine mese, senza essere pressato dal pagamento della rata mensile del prestito. Il fido viene concesso dalla banca a soggetti privati e giuridici, ma solo dopo una dovuta fase istruttoria dove vengono presi in considerazione il profilo reddituale dell’azienda, dei suoi componenti, volti ad indagare che questi non infrangono la normativa antiriciclaggio in vigore. L’istituto, inoltre, controlla anche la capacità reddituale dell’azienda, per capire se essa sarà in grado di restituire gli importi affidati allo scadere del fido. La procedura di richiesta del fido, in fin dei conti non è semplice ma molto complessa.

Fido bancario: le tipologie

Il fido bancario può essere di diversi tipi, ciò dipenda dall’esigenze del richiedente. L’istituto bancario in base al bisogno della clientela e dei loro profili reddituali mette in campo tipologie di fido su misura, ma fondamentalmente ci sono due tipi di fido bancario: il fido di cassa e il fido di portafoglio.

Il fido di cassa consiste, in parole semplici, in uno scoperto del proprio conto corrente, entro una cifra prestabilita, che bisogna rimborsare alla fine del contratto di fido. Questo tipo di fido comporta delle spese di tenuta mensili.

Il fido di portafoglio consiste nella possibilità di poter mettere allo sconto fatture, cambiali o ricevute bancarie. Questa forma di finanziamento è molto utilizzata dalle imprese.

I vantaggi

Il fido bancario per un’impresa può essere molto vantaggioso. In quanto se ha tutti i requisiti per poter inoltrare richiesta, questa è molto semplice e diretta. Si può disporre di un’apertura di conto corrente praticamente in tempi reali e non c’è la preoccupazione del pagamento di una rata mensile, ma si potrà predisporre il rientro con un piano prestabilito. Un ulteriore vantaggio del fido bancario è quello che non ci sono spese di istruttorie ingenti. Ma, si dovrà corrispondere gli importi effettivamente utilizzati dall’apertura del fido e solo in corrispondenza dei giorni utilizzati.

Conto correnti e spese bancarie: cosa cambia da gennaio 2020


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.