Fisco interessi legali 2020: precipitano allo 0,05%, sarà meno faticoso pagare i debiti

Il tasso di interesse legale ha toccato il minimo storico posizionandosi vicino allo zero. Ottimo per chi ha dei debiti arretrati con il Fisco, sarà meno spiacevole pagare in ritardo le imposte e i tributi.

Gli interessi legali precipitano allo 0,5%, un’ottima notizia per i contribuenti che hanno dei debiti arretrati con il Fisco, oppure,  per ragioni diverse si trovano a pagare in ritardo. Dal 1° gennaio 2020 i contribuenti che hanno dei debiti con il Fisco possono accedere a un interesse legale calcolato al minimo storico, molto più vicino allo zero di quello che si potrebbe pensare. Parliamo dell’attuale tasso d’interesse legale dello 0,05% contro il tasso di interesse passivo dello scorso anno posizionato allo 0,80%.

Un crollo dovuto all’effetto del decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 12 dicembre 2019. Gli interessi precipitano in virtù dei calcoli del tasso prodotto dal rendimento dei Bot a 12 mesi, e della variazione del tasso di inflazione. In sostanza, a beneficiare del cedimento degli interessi sono i contribuenti che hanno dei debiti erariali da saldare. Pagare in ritardo non sarà più un peso troppo oneroso per migliaia di contribuenti alle prese con  il pagamento posticipato di tasse e imposte.

Interessi legali: precipitano allo 0,05%

Per capire il vantaggio del calo dei tassi di interesse passivi, bisogna tener presente che il calcolo degli interessi. Il quale, viene prodotto dividendo il tasso di interesse dello 0,05% per 365 giorni, poi il risultato viene moltiplicato in relazione alla quantità dei giorni per cui è dovuto.

Ad esempio, un contribuente ha un debito erariale pari a 5 mila euro, gli interessi legali in un lasso di tempo che va dal 1° gennaio al 15 febbraio 2020 equivalgono allo 0,315 euro. Un vantaggio paragonato all’esborso a cui il contribuente è stato sottoposto negli anni precedenti il cui tasso è arrivato a toccare anche il 10%.

Interessi legali: un tasso mai così basso

Gli interessi legali vengono impiegati nel momento in cui un contribuente si appresta a effettuare un ravvedimento operoso, versando seppur in modo tardivo il pagamento delle tasse e imposte. Il tasso di interesse subisce la variazione dell’effetto di due criteri, quali:

  • il rendimento dei Bot a 12 mesi;
  • il tasso di inflazione annuo.

Con le nuove disposizioni del Mef, il contribuente che versa in ritardo deve considerare che grazie all’abbattimento degli interessi legali, pagherà una cifra irrisoria di interessi passivi che maturano dal giorno successivo alla data di scadenza fissata nel tributo, fino al momento in cui materialmente versa l’imposta.

 

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein