730 precompilato online dal 5 maggio: ecco come avere rimborso subito

-
04/05/2020

730 precompilato sarà disponibile online a partire dal 5 maggio. Come si fa ad avere il rimborso in tempi rapidi?

730 precompilato online dal 5 maggio: ecco come avere rimborso subito

Nel secondo giorno della Fase 2 del coronavirus, gli italiani potranno consultare il proprio modello 730 precompilato che sarà disponibile online a partire da martedì 5 maggio.Con lo slittamento della trasmissione delle certificazioni uniche al 30 aprile, infatti, è slittato anche il giorno di messa a disposizione della dichiarazione precompilata.

730 precompilato 2020: le scadenze

Online dal 5 maggio 2020, il 730 precompilato potrà essere presentato fino al 30 settembre. La scadenza iniziale per la presentazione della dichiarazione era fissata, come ogni anno, al 23 luglio ma a causa del coronavirus e dell’emergenza sanitaria che ha causato, la data ultima di presentazione è slittata alla fine di settembre anticipando di un anno lo spostamento di scadenza (dal 2021, infatti, era previsto in modo strutturale di fissare la data di scadenza della presentazione del 730 proprio al 30 settembre).

E per chi presenta, invece, il 73o ordinario? La data per chi sceglie di utilizzare il 730 cartaceo o editabile, ma non precompilato, al momento è sempre fissata al 7 luglio ma tale data potrebbe venire rettificata nella prossime settimane proprio a causa dl sovraffollamento dei CAF (che in molti casi sono rimasti chiusi in questa fase 1 dell’emergenza) che nelle prossime settimane si troveranno subissati di domande da parte dei contribuenti, e non solo per la dichiarazione dei redditi.

Rimborso dichiarazione dei redditi 2020

Cosa accade a causa dello slittamento della scadenza al rimborso che i contribuenti a credito devono percepire e che solitamente veniva erogato con la retribuzione di luglio? E’ possibile continuare a percepire il rimborso nel mese di luglio anche quest’anno. Il rimborso, infatti, viene posto in pagamento con la retribuzione del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione.


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

Quest significa, quindi, che per chi presenta il 730 precompilato entro il 31 maggio si vedrà arrivare il rimborso spettante con la retribuzione del mese di giugno (e quindi nella maggior parte dei casi ad inizio luglio). Per i pensionati, però, è necessario attendere un mese in più e, quindi, anche presentando la dichirazione entro la fine di maggio il rimborso non arriverà prima del mese di agosto.

Ovviamente più tardi si presenterà la dichiarazione e più tardi si percepirà il rimborso spettante: per i ritardatari che riusciranno a presentare il 730 solo a settembre, quindi, il rimborso arriverà soltanto con la retribuzione di ottobre a novembre (per i pensionati che presenteranno la dichiarazione a settembre, quindi, il rimborso arriverà soltanto a dicembre).