Aumento tasse in busta paga e non solo, due regioni colpite: ecco come e quali sono

-
08/07/2020

Aumento tasse in busta paga e sui tutti i redditi di lavoro autonomo, parasubordinato e assimilato. Il Fisco ha colpito i redditi dei cittadini di due regioni, ecco quali sono.

Aumento tasse in busta paga e non solo, due regioni colpite: ecco come e quali sono

Aumento tasse in busta paga dei dipendenti, dei lavoratori autonomi e di tutti i soggetti che devono pagare l’addizionale regionale. L’agenzia delle Entrate ha emanato un comunicato che per l’anno 2020 le Regioni Molise e Calabria subiranno una maggiorazione dell’addizionale regionale Irpef dello 0,30 punti percentuali. 

Aumento tasse in busta paga e non solo: il comunicato dell’Agenzia

L’agenzia delle Entrate con il comunicato il 1° luglio 2020 ha messo in pratica quanto prevede la legge 191/2009 all’articolo 2, comma 86 applicando la nuova tassazione per l’anno d’imposta 2020, per le regioni del Molise e della Calabria. 

Sono state incrementate le addizionali regionali Irpef dello 0,30 punti percentuali a benefico del Fisco.

Nel comunicato si legge che l’aumento si è reso necessario in quanto dalle verifiche effettuate dal tavolo tecnico, per l’anno 2019 le regioni Molise e Calabria non hanno raggiunto gli obiettivi previsti. 

Nello specifico gli obiettivi prevedono un rientro del deficit sanitario regionale, non raggiungendo questi obiettivi, l’addizionale Irpef che grava sui redditi è stata maggiorata dello 0,30 punti percentuali. 

La circolare dell’Agenzia delle Entrate precisa che anche se questo adeguamento è riferito all’anno di imposta 2020, produrrà effetti anche nell’anno di imposta 2021 (effetti che si rileveranno nella dichiarazione dei redditi 2021 e trattenuta rateizzata nel 2021 nel rapporto di lavoro assimilato e subordinato), unica eccezioni per i lavoratori dipendenti che chiudono il rapporto di lavoro nel 2020, per effetto del conguaglio che opera il datore di lavoro sulle trattenute addizionali Irpef regionali e comunali. 

Novità busta paga: dal 1° luglio trattamento integrativo 600 euro per il 2020 e 1.200 per il 2021

Gli aumenti con le nuove aliquote 2020

Le nuove aliquote applicate nel 2020 per la regione Molise e Calabria, sono le seguenti:

Regione Molise

reddito fino a  euro 15.000: 2.03% (1,73 più maggiorazione 0,30)
reddito da euro 15.001 a euro 28.000: 2,23% (1,93 più  maggiorazione 0,30)
reddito da euro 28.001 a euro  55.000: 2,43% (2,13 più maggiorazione 0,30)
reddito da euro 55.001 a euro 75.000: 2,53% (2,23 più maggiorazione 0,30)
reddito oltre euro 75.000: 2,63% (2,33 più maggiorazione 0,30)

Regione Calabria

La maggiorazione viene applicata a prescindere dal reddito percepito: 2,03% (1,73 più maggiorazione 0,30).


Leggi anche: Pagamento Imu, calcolo, scadenza e saldo 2020: chi potrà beneficiare della cancellazione per Covid-19

Considerazioni

Il nuovo Governo prevede incentivi e bonus per i cittadini, taglio del cuneo fiscale, ecc. Eppure, anche se è una legge esistente penalizzare le regioni che non hanno raggiunto l’obiettivo del deficit sanitario è paradossale. Tassati ulteriormente i redditi dei cittadini nella situazione attuale con la pandemia del Covid-19, che non è finita ma è ancora presente, perchè non esiste un dopo Covid ma una convivenza con il virus.