Bonus auto: benzina, diesel e ibride, chiarimenti per usufruire dell’incentivo

-
08/07/2020

Bonus auto per autoveicoli alimentati a benzina, diesel e ibrida: ecco come usufruire dell’incentivo e qual è lo sconto reale.

Bonus auto: benzina, diesel e ibride, chiarimenti per usufruire dell’incentivo

Bonus auto parte da un emendamento ecobonus-tassa istituito per il 2019/2021 legge 145/2018, cosi composto: incentivo da 1500 euro (per acquisti di autoveicoli con emissioni di CO2 tra 21 e 60 g/Km con prezzo da listino inferiore a 50mila euro) a 6mila euro (per auto elettriche con rottamazione auto Euro 4 o inferiore). 

Bonus auto: dal 1°agosto si aggiungono 1.000 euro 0 2.000 euro

Dal 1° agosto al bonus auto viene aggiunto un importo di 1.000 euro senza rottamazione e 2.000 con rottamazione. 

L’incremento al bonus auto iniziale è così suddiviso:

per i veicoli tradizionali un incremento di 750 euro senza rottamazione e 1.500 euro con rottamazione, se si acquista un veicolo con emissioni comprese tra 61 e 110 g/Km (in linea generale sono auto ibride normali e auto medie e piccole diesel. Il prezzo per poter usufruire del bonus auto deve essere inferiore a 40mila euro al netto IVA. 

L’incentivo avviene solo se abbinato con lo sconto di 1.000 e 2.000 del venditore del veicolo. 

Inoltre, il veicolo da rottamare oltre al criterio della classe Euro da rispettare, vi è anche la data di immatricolazione che deve essere anteriore al 1° gennaio 2010.

Alcuni punti da chiarire 

L’emendamento parla di veicoli, quindi, sono incentivati i mezzi di ogni tipo. Sicuramente è una svista da correggere. La legge 145/2018 precisa che l’incentivo è per gli autoveicoli. 

Inoltre, sempre l’emendamento parla di “Euro 6 di ultima generazione”. Attualmente, l’ultima generazione è l’Euro 6D, obbligatoria da gennaio scorso per i modelli di nuova omologazione. 

Le vendite maggiori oggi si basano sulla giacenza è Euro 6D-Temp. Anche qui ci vorrebbe un chiarimento da parte dei tecnici ministeriali. 

Le auto a Km zero sono penalizzate

Sono penalizzate gli autoveicoli a Km zero. In difficoltà i concessionari che devono smaltire le scorte a Km zero, questo perché, gli incentivi per chi acquista un auto usata in cambio della rottamazione ricevono uno sconto del 40% sul passaggio di proprietà e imposta di bollo, che si attiva quando si acquista un auto ibrida o ibrida plug-in. 

La normativa sul bonus auto, prevede un ulteriore sconto per chi rottama due autoveicoli anziché uno, con un surplus di 750 euro, utilizzabili sull’acquisto dell’auto o come credito d’imposta entro tre anni per acquisto di bici elettriche, monopattini, bici normali, abbonamenti trasporto pubblico. 

Infine il bonus moto ora è possibile anche senza rottamazione con un incentivo dal 30% al 40% del prezzo di acquisto; valore massimo 4.000 euro se si rottama un veicolo Euro da 0 a 3.