Bonus biciclette, ebike e monopattini: fino a 750 euro di credito d’imposta

-
02/11/2021

Bonus biciclette, ebike e monopattini: fino a 750 euro di credito d’imposta

Bonus biciclette ebike e monopattini al via, con la pubblicazione del decreto all’interno della Gazzetta Ufficiale avvenuta lo scorso 29 ottobre 2021. Si tratta dell’ultimo passaggio necessario per rendere operative le regole attuative decise dal Mef. Chi possiede i requisiti previsti dalla legge e che ha effettuato un acquisto conforme dal 1° agosto al 31 dicembre 2021 potrà beneficiare di un credito d’imposta fino a un tetto massimo di 750 euro.

I requisiti per accedere al bonus biciclette, ebike e monopattini

In base a quando specificato all’interno del decreto, il bonus è destinato alle persone fisiche che nel periodo appena indicato hanno riconsegnato un veicolo per la rottamazione con emissioni di CO2 comprese tra o e 110 grammi per chilometro. Il veicolo deve risultare immatricolato secondo la categoria M1.

Di fatto, si tratta di mezzi di spostamento per il trasporto di persone con capienza fino a otto persone, oltre al posto da conducente. Era inoltre imprescindibile che il veicolo fosse intestato da almeno un anno al soggetto richiedente oppure a un familiare. La legge prevede un credito d’imposta da utilizzare entro tre anni di tempo.


Leggi anche: Imu seconda rata: scadenza del 16/12, esenzioni e riduzioni

Bonus biciclette: ora si è in attesa delle istruzioni attuative da parte dell’Agenzia delle Entrate

La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto chiude il cerchio sul bonus biciclette. Ora, per diventare pienamente operativo, servirà solo la comunicazione di prassi dell’Agenzia delle Entrate. Con quest’ultima si specificheranno le istruzioni attuative che i contribuenti dovranno seguire per poter beneficiare dell’agevolazione.

All’interno della richiesta i potenziali beneficiari dovranno specificare l’importo della spesa sostenuta nel corso del 2020. L’acquisto deve essere correlato a monopattini elettrici, biciclette elettriche oppure abbonamenti al trasporto pubblico. Rientrano anche i servizi di mobilità elettrica in condivisione.

Nel decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale si legge che “nella istanza i soggetti richiedenti indicano l’importo della spesa agevolabile sostenuta nell’anno 2020 […] Il credito d’imposta riconosciuto ai sensi dell’art. 3 è utilizzabile esclusivamente nella dichiarazione dei redditi, in diminuzione delle imposte dovute e può essere fruito non oltre il periodo d’imposta 2022”.

Come funziona il credito d’imposta del bonus biciclette

Per capire come funziona il nuovo credito d’imposta, è opportuno specificare che le risorse stanziate dal governo al fine di sostenere le richieste dei cittadini corrispondono a 5 milioni di euro. Al momento non è però possibile stimare a quanto corrisponderà il beneficio effettivamente erogato.


Potrebbe interessarti: Pignoramento conto corrente: le novità in arrivo per i contribuenti

Pur tenendo conto del limite massimo fissato a 750 euro, bisogna infatti chiarire che la percentuale del credito effettivamente spettante sarà decisa tenendo conto dello stanziamento iniziale e del numero complessivo di richieste. Per questo motivo, il dato preciso si conoscerà solo dopo che l’AdE avrà raccolto tutte le domande ed eseguito i relativi calcoli.

Bonus biciclette ebike e monopattini: i controlli effettuati sui richiedenti

Infine, all’interno del decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale si ricorda che alla stessa Agenzia delle Entrate sono demandati i controlli. Questi saranno effettuati in merito all’effettivo possesso dei requisiti utili per accedere al bonus biciclette. Nel caso in cui l’AdE “accerti che l’agevolazione sia in tutto o in parte non spettante, procederà al recupero del relativo importo” secondo le disposizioni di legge attualmente in vigore.

Oltre a ciò, “per quanto non espressamente disciplinato dal presente decreto, si applicano le disposizioni in materia di liquidazione, accertamento, riscossione e contenzioso previste per le imposte sui redditi”.