Bonus casa 110%: congruità dei prezzi e attestazione per le agevolazioni, le novità

-
15/07/2020

Bonus casa 110%: asseverazione della congruità dei prezzi e attestazione per fruire della detrazione fiscale, due punti a cui stare molti attenti si rischia di perdere lo sconto.

Bonus casa 110%: congruità dei prezzi e attestazione per le agevolazioni, le novità

Il bonus casa 110% previsto nel decreto legge “Rilancio” prevede una serie di provvedimenti attuativi, tra questi vi è quello che dovrà definire le modalità per asseverare la congruità dei prezzi con i relativi valori di riferimento. Il bonus casa o superbonus al 110% permette di ristrutturare il proprio immobile con spese a totale carico del Fisco. Abbiamo molte volte esposti quali sono i lavori trainanti che permettono l’accesso e a cosa stare attenti. Oggi tratteremo due argomenti che riguardano due aspetti importanti e destano forti dubbi nei contribuenti. 

Bonus casa 110%: asseverazione alla congruità dei prezzi

Dalle prime bozze del provvedimento si denota una predisposizione verso valori limite per gli interventi per la prestazione energetica, mentre, sembrerebbe che non siano imposti limitazioni per gli interventi della sicurezza sismica ed efficientamento energetico in simultanea. 

Inoltre, il provvedimento fornisce un tariffario ministeriale che per alcuni interventi l’asseverazione del tecnico abilitato può essere sostituita dalla certificazione del produttore. 

Sono considerati anche gli interventi realizzati all’interno di un contratto di locazione, in questo caso il costo che sarà valutato è quello sostenuto dalla società concedente. 


Leggi anche: Contributi a fondo perduto per Partite IVA e professionisti: le novità in arrivo con il Decreto Sostegno

Ti potrebbe interessare anche: Bonus casa 110%: 3 interventi trainanti, bisogna fare attenzione ai tetti di spesa

Attestazione per fruire della detrazione al 110%

Il D.L. 34/2020 all’art. 119 prevede che ai fini dell’accesso alla detrazione del 110% bisogna osservare il rispetto dei requisiti minimi richiesti prescritti negli interventi che permettono l’efficientamento energetico dell’edificio fino al raggiungimento di due classi superiore a quelle di partenze. 

Tutto ciò deve essere dimostrato attraverso un’attestazione di prestazione energetica prima e dopo l’intervento, con la dimostrazione del superamento di minimo due classi. L’attestazione deve essere rilasciata da un tecnico abilitato nella modalità di dichiarazione asseverata. 

Infine, deve essere ottenuto il visto di conformità di tutti i dati relativi alla dichiarazione asseverata dal tecnico abilitato; deve attestare la sussistenza dei presupposti che permettono l’accesso alle detrazioni fiscali per gli interventi eseguiti, e l’asseverazione degli interventi eseguiti in relazione alla congruità delle spese. 

Tutti i lavori dal progetto alla realizzazione devono essere seguiti da tecnici abilitati e atti ad asseverare le dichiarazioni di conformità.

Il bonus casa 110% si presenta molto complesso e burocratico e su molti punti la normativa non è chiara e presenta enormi criticità. 


Potrebbe interessarti: Bonus vacanze 2021, le novità: proroga con scadenza a fine anno grazie al Milleproroghe

Sicuramente, l’Agenzia delle Entrate dovrà intervenire con interpelli a chiarire i dubbi dei contribuenti.