Bonus casa 110%: nuovi massimali e soggetti esclusi, novità ultima ora

-
28/06/2020

Non mancano le novità sul bonus casa 110% a totale carico del Fisco. Nelle ultime ore arriverà la decisione finale, intanto sono stati modificati i massimali e alcuni soggetti esclusi.

Bonus casa 110%: nuovi massimali e soggetti esclusi, novità ultima ora

Il bonus casa 110% massimali modificati con spese a totale carico del Fisco per interventi di efficientamento energetico e messa in sicurezza degli edifici, il bonus sarà attivo solo per quattro correttivi: estensione dell’agevolazione per una seconda casa; riduzione dei massimali per ogni unità abitativa e per singoli interventi; possono accedere al superbonus anche i contribuenti del terzo settore; il beneficio sarà possibile fino a metà del 2020 per interventi su immobili Iacp. 

Un grosso taglio del bonus casa 110% sulle numerose modifiche chieste al Governo dalla stessa maggioranza. 

Bonus casa 110%: massimali, le novità

Le ultime novità riguardano la riduzione dei massimali che secondo le indiscrezioni pervenute, potrebbe riguardare il cappotto termino dell’immobile che passerebbe da un minimale di 60mila euro a 40mila euro per ogni abitazione e condomini il cui massimale, in caso di meno soggetti, si fermerebbe a 50mila euro. 

I correttivi subiranno un ulteriore modifica prima dei voti in commissione, la prossima settimana sicuramente si saprà qualcosa di certo. Si pensa di destinare la differenza dei fondi, nel prossimo decreto di luglio con le previsioni di uno scostamento di circa 20 miliardi che il Governo si appresta a chiedere in Parlamento; con l’obiettivo di migliorare il superbonus 110% con l’intenzione di sostenere i settori in crisi come automotive e turismo, e creare nuovi posti di lavoro, intervenire anche a favore di Comuni e Regioni. 


Leggi anche: Spid, l’Agenzia delle Entrate rottama le password dall1/10

Esclusi dal beneficio

Esclusi gli alberghi dal bonus casa al 110% e anche la possibilità di allungare l’agevolazioni fino al 31 dicembre 2022. Per le regole attuative del superbonus il governo ha deciso di attendere la chiusura del decreto con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, questo significherebbe non prima del 18 luglio 2020. 

Giovedì tre relatori hanno depositato il pacchetto di emendamenti tra questi, e da qui il taglio dei correttivi che prevedevano più di 40 misure e depositati solo 22. 

Oggi in serata il presidente della commissione Bilancio, Claudio Borghi, si pronuncerà sull’inammissibilità, su alcuni già si è pronunciato venerdì.