Bonus casa 2020: 8 interventi pagati dal Fisco dal cappotto termico alla caldaia e infissi

-
04/06/2020

Bonus casa 2020: 8 interventi pagati dal Fisco che vanno dal cappotto termico alla sostituzione di caldaia e infissi, le ultime novità.

Bonus casa 2020: 8 interventi pagati dal Fisco dal cappotto termico alla caldaia e infissi

Il decreto Rilancio ha previsto un bonus casa 2020 del 110% interamente pagato dal Fisco, sotto forma di detrazioni fiscali da recuperare in cinque e dieci anni, oppure con sconto direttamente in fattura, oppure come credito d’imposta (ceduto alla banca o all’impresa). Una misura che ha superato tutte le previsioni superando anche il bonus facciata con uno sconto del 90%.

Bonus casa 2020: non tutti gli interventi rientrano nelle agevolazioni

Il bonus casa 2020 del 110% non prevede tutti i lavori, otterranno le agevolazioni fiscali sono gli interventi di una rilevata importanza mirata ad un efficientamento energetico di due classi in più rispetto a quello di partenza prima della ristrutturazione. Vediamo quali interventi sono pagati interamente dal Fisco a partire da luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021.

Cappotto termico in condominio e isolamento del tetto di un edificio

Cappotto termico e Isolamento del tetto di un edificio: il decreto Rilancio prevede per il cappotto termico in condominio un superbonus del 110% con un recupero in cinque anni per una spesa totale di 60mila euro per ogni unità. Il cappotto termico deve interessare più del 25% della superficie disperdente e comportare un salto di categoria energetica. Anche in questo caso è possibile lo sconto in fattura o la cessione del credito.

Impianto termico centralizzato

Sostituzione di un impianto termico centralizzato con uno a condensazione evoluto a pompa di calore. Spesa massima di 30mila euro per ogni unità immobiliare. Il recupero in cinque anni, anche qui possibile sconto in fattura e cessione del credito.

Acquisto caldaia per abitazione singola

Il bonus casa 2020 prevede anche la possibilità di sostituire la caldaia con il bonus del 110% per una spesa di massimo 30mila euro e con il recupero in cinque anni, ammesso lo sconto in fattura o la cessione del credito. La sostituzione dell’impianto deve avvenire con uno a pompa di calore.

Ti potrebbe interessare anche: Bonus condizionatori 2020 con sconto del 50%, 65% e 110%: come ottenerlo

Bonus casa e cambio infissi e finestre

La sostituzione di infissi e finestre può ricevere il bonus del 110% se congiunti con altri interventi principali per ottenere il superbonus per il risparmio energetico.


Leggi anche: Bonus prima casa under 36: Isee, requisiti, scadenza e agevolazioni fiscali

Interventi antisismici su parti comuni

Possibile la detrazione al 110%, resta esclusa la zona 4, ma vige l’obbligo di dimostrare la classe di rischio dell’edifico. Previsto lo sconto in fattura e la cessione.

Ristrutturazione casa isolata o villetta

Se si eseguono particolari lavori di efficientamento energetico e sismabonus potenziato si rientra nelle detrazioni fiscali al 110% con il recupero in cinque anni, con sconto in fattura e cessione.

Rifacimento della facciata

Questi lavori rientrano nel bonus casa al 110% se vengono effettuati anche i lavori di cappotto termico, quindi, i lavori combinati di cappotto e di tinteggiatura al 110% con sconto in fattura o cessione. Escluse dal benefico gli edifici unifamiliari e le seconde case.

⇒ Bonus facciata fino al 90% della spesa: zona A – B – C