Bonus ristrutturazione 2023, novità Agenzia delle Entrate: sconto in fattura, cosa comprende, scadenza

-
23/01/2023

Bonus ristrutturazione 2023, novità Agenzia delle Entrate: sconto in fattura, cosa comprende, scadenza

Anche nel 2023 è disponibile il bonus ristrutturazione 2023, ma con nuovi requisiti previsti per i lavori ammessi, gli adempimenti per la cessione del credito e lo sconto in fattura previsti secondo quanto disposto dall’Agenzia delle Entrate.

Come molti altri bonus edilizi, anche il bonus ristrutturazione 2023 non è stato esente da modifiche per questo nuovo anno. Vediamo insieme di quali si trattano.

Bonus ristrutturazione 2023, arrivano nuovi requisiti per i lavori di quest’anno

Il bonus ristrutturazione 2023 prevede l’accesso ad una detrazione del 50% sull’IRPEF, ma soltanto se le spese relative ai lavori ammessi non superino un massimale di spesa preciso. Per il 2023 e per il 2024 è stato fissato a 96.000 euro di spesa.

Si applica alle spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2024, è pari al 50% e deve essere ripartita in 10 quote annuali di pari importo, come previsto per i crediti d’imposta. Bisognerà presentare tutte le spese con la presentazione del modello redditi persone fisiche (ex modello Unico).

Tale spesa dovrà riguardare soltanto gli interventi di riqualificazione edilizia, manutenzione straordinaria e ordinaria. Proprio quest’ultimo punto, sulla manutenzione straordinaria e ordinaria, ha creato non pochi problemi a imprese edili e richiedenti.

Bonus ristrutturazione 2023, quali lavori sono ammessi

Il bonus ristrutturazione 2023 è stato prorogato solo per tutti i lavori che riguardano la manutenzione ordinaria e quella straordinaria, oltre ai casi di restauro e risanamento conservativo.

Nel caso specifico della manutenzione straordinaria, si tratta appunto di lavori su immobili danneggiati a seguito di eventi calamitosi, soprattutto a seguito di dichiarato stato di emergenza. Questo vale sia per le case unifamiliari, sia per i condomini.


Leggi anche: Concorsi pubblici 2023, 40.000 assunzioni per Trenitalia: come essere assunti, quanto si guadagna, che diploma serve, quando scade

Diversamente, la manutenzione ordinaria è prevista solo quando riguardano le parti comuni dei condomini. In tal caso, la detrazione spetta a ogni condomino in base alla quota millesimale.

A seguire possono accedere al bonus ristrutturazione 2023 anche i lavori per la realizzazione di autorimesse, l’eliminazione di barriere architettoniche per costruire ascensori e montacarichi, o anche per garantire la bonifica dell’edificio dall’amianto, oppure la stessa sicurezza domestica.

Il bonus però non è disponibile in relazione al semplice acquisto di strumenti tecnologici, anche se diretti a favorire la comunicazione e la mobilità interna ed esterna, come possono essere telefoni viva-voce, dispositivi touch-screen e altro ancora. Si tratterrebbero di sussidi tecnici e informatici, con detrazione IRPEF del 19%. 

E questo vale anche per i dispositivi adibiti per la sicurezza domestica, per i quali è già previsto il bonus porta blindata 2023.

Bonus ristrutturazione 2023, sconto in fattura o cessione del credito?

Si può richiedere il bonus ristrutturazione 2023 anche con sconto in fattura o cessione del credito.

Ricordiamo che per sconto in fattura si intende un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, anticipato dai fornitori e recuperato sotto forma di credito d’imposta. Mentre per cessione del credito d’imposta è l’ammortizzazione delle spese tramite cessione fino ad un massimo di cinque soggetti.

Se si vuole procedere alla cessione del credito, non si potrà più procedere alla frammentazione del credito, e presentare visto di conformità e attestazione di congruità, così da garantire il massimo della trasparenza sulla sussistenza dei requisiti e sui costi ammissibili per tipologia di intervento.

Anche nel caso si richieda sconto in fattura o cessione del credito, non si potrà avere un’agevolazione fiscale superiore a quanto già disposta, ovvero non oltre il 50% con massimale di spesa a 96.000 euro.

Bonus ristrutturazione 2023, la cumulabilità con altre detrazioni

Oltre al bonus ristrutturazione 2023, si potrà richiedere anche altre agevolazioni per i propri lavori e interventi edilizi, come il Sismabonus, oppure l’Ecobonus, tutti e due rinnovati anche per quest’anno ma con requisiti diversi.


Potrebbe interessarti: Bonus busta paga 2023, commercio e dipendenti: a chi spetta, quando viene pagato, chi ha diritto all’ex bonus Renzi

Non si potrà però richiedere il bonus ristrutturazione 2023 con l’agevolazione fiscale prevista per gli stessi interventi dalle disposizioni sulla riqualificazione energetica degli edifici (detrazione attualmente pari al 65%).

Per richiedere inoltre i bonus relativi al risparmio energetico, bisognerà inviare la comunicazione ENEA. Si avrà tempo 90 giorni per inviarla.