Bonus vacanze: bisogna verificare lo sconto sul sito dell’Agenzia

-
24/06/2020

Bonus vacanze 2020: la struttura aderente deve verificare lo sconto applicato sul portale dell’Agenzia delle Entrate, ecco perchè.

Bonus vacanze: bisogna verificare lo sconto sul sito dell’Agenzia

Bonus vacanze, denominato anche bonus ferie 2020 e tax credit vacanze, dal 1° luglio sarà in vigore fino al 31 dicembre 2020. Potranno richiederlo coloro che decidono di trascorrere il periodo di ferie in  strutture italiane: agriturismi, strutture ricettive e bed&breakfast. Il bonus vacanze fa parte delle varie agevolazioni per agevolare la ripresa del settore e si divide in due parti, sempre a carico del Fisco

Bonus vacanze: sconto fino a 500 euro

Il bonus vacanza consiste in 500 euro per le famiglie composte da tre persone in su, si riduce a 300 per due persone fino ad arrivare a 150 euro per le persone singole. Il bonus è valido solo per le strutture che accettano l’iniziativa. Le strutture sono tenute a dichiarare con atto notorio sostitutivo il possesso dei requisisti qualificanti richiesti dal decreto legge “Rilancio”. 

Il credito per essere erogato è necessario che le spese siano sostenute in un unica soluzione presso un singolo fornitore. Il totale del corrispettivo pagato deve corrispondere al documento fiscale: ricevuta fiscale, fattura o scontrino. 

Il decreto specifica che il pagamento del servizio deve avvenire senza l’ausilio di intermediari, portali o piattaforme telematiche, diverse da tour operator o agenzie di viaggio. 


Leggi anche: Canone Rai: come ottenere il rimborso procedura e modulo

La struttura recupera lo sconto già il giorno dopo

Lo sconto si divide in due tranche: circa l’80% subito come sconto e la seconda tranche del 20% come detrazione fiscale sotto forma di credito d’imposta da recuperare nella dichiarazione dei redditi. 

La struttura che aderisce all’iniziativa e pratica lo sconto, potrà recuperare l’importo concesso come sconto, il giorno successivo sotto forma di credito d’imposta da compensare con le imposte da pagare o con cessione del credito d’imposta a terzi: fornitori, intermediari finanziari, ecc. 

Per recuperare lo sconto, la struttura deve verificare lo sconto sul  portale dell’Agenzia e poi potrà utilizzarlo dal giorno dopo l’utilizzo.