Canone TV 2021, cos’è l’esenzione RAI e come richiederla: domanda entro il 1° febbraio per l’esonero annuale e il 30 giugno per il secondo semestre

-
31/01/2021

Per non pagare l’addebito del Canone TV 2021 serve compilare un documento disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate. La richiesta deve essere inviata entro il prossimo 1° febbraio 2021.

Canone TV 2021, cos’è l’esenzione RAI e come richiederla: domanda entro il 1° febbraio per l’esonero annuale e il 30 giugno per il secondo semestre

Resta ormai pochissimo tempo per poter ottenere l’esenzione del canone TV nel corso del 2021. Il canone pubblico richiede normalmente il pagamento di 90 euro. Soldi che vengono addebitati in automatico sulle bollette delle utenze elettriche. Vi sono però alcuni casi specifici che possono beneficiare di un esonero, a patto di inviare adeguata comunicazione all’Agenzia delle Entrate.

Dall’ormai lontano 2016 tutti i titolari di un’utenza di energia elettrica che abbiano portato la propria residenza anagrafica nell’immobile corrispondente sono tenuti a sostenere l’addebito automatico del canone. Questo perché la legge presume che il titolare dell’utenza possieda all’interno della propria abitazione un apparecchio televisivo.

Qualora non si detenga un televisore o un altro dispositivo in grado di ricevere i canali televisivi all’interno dell’immobile si può beneficiare dell’esonero, Quest’ultimo però deve essere espressamente richiesto attraverso una dichiarazione da inviare alle autorità competenti. Sul punto è importante prestare attenzione a un dettaglio. L’imposta grava sulla detenzione e non sull’utilizzo del televisore. Pertanto il canone dovrà essere pagato indipendentemente dall’uso dell’apparecchio o dalla visione dei canali televisivi associati.


Leggi anche: Contributi a fondo perduto per Partite IVA e professionisti: le novità in arrivo con il Decreto Sostegno

Canone TV Rai 2021: chi ha diritto all’esenzione semestrale o annuale

Dal punto di vista pratico, l’esenzione non spetta solo a chi non possiede un apparecchio televisivo nella propria abitazione principale. Hanno diritto all’esonero anche coloro che compiono entro il 31 gennaio i 75 anni e che possiedono un reddito complessivo non superiore ad 8mila euro l’anno. Beneficiano inoltre dell’esenzione i militari che non possiedono cittadinanza italiana e il personale delle forze Nato stanziate sul nostro territorio, oltre ai diplomatici, ai funzionari internazionali e agli impiegati consolari.

Per quanto concerne invece la scadenza da rispettare per l’invio della richiesta di esenzione del canone TV, questa è generalmente fissata al 31 gennaio. Nel corso del 2021 la data ricade però in un giorno domenicale, pertanto il termine è stato spostato alla giornata di lunedì 1° febbraio 2021.

Esenzione Canone TV: come si richiede e ottiene l’esonero

Coloro che sono in possesso dei requisiti utili per poter ottenere l’esonero del Canone RAI dovranno compilare il quadro A del modello scaricabile dal sito dell’Agenzia delle Entrate. All’interno della sezione è infatti possibile dichiarare che in nessuna delle abitazioni dove risulta attiva un’utenza elettrica a proprio nome risulta presente un televisore o un apparecchio in grado di ricevere le trasmissioni televisive.


Potrebbe interessarti: Bonus vacanze 2021, le novità: proroga con scadenza a fine anno grazie al Milleproroghe

La compilazione del quadro può essere effettuata anche da parte degli eredi di un defunto, nel caso in cui l’utenza elettrica risulti ancora attiva e intestata alla persona deceduta. Il modulo può essere inviato sia tramite web, sia facendo ricorso ai Caf o agli studi professionali abilitati.

Coloro che non riusciranno a rispettare la scadenza in tempo utile pur avendo i requisiti, potranno comunque presentare una domanda tardiva entro il prossimo 30 giugno 2021. In questo caso però, si potrà beneficiare dell’esenzione solo per il secondo semestre dell’anno.