Cashback e Super cashback 2021: verso l’accredito del rimborso, info e date su quando arriva

-
23/06/2021

Il concorso pubblico del cashback 2021 si avvicina al termine della prima sessione semestrale. Si preparano i pagamenti per i premi ordinari e per il super cashback. Ecco le date degli accrediti.

Cashback e Super cashback 2021: verso l’accredito del rimborso, info e date su quando arriva

Il primo semestre del cashback 2021 si prepara a giungere al termine. Il concorso pubblico ha fatto parlare molto di sé, tra persone che hanno accolto l’iniziativa con entusiasmo e detrattori. L’iniziativa rientra tra le strategie decise dallo scorso governo per combattere l’evasione fiscale e il ricorso al nero. L’iscrizione garantisce ai partecipanti la restituzione di una percentuale della spesa effettuata nei primi sei mesi dell’anno, con un tetto massimo di 150 euro.

Oltre a ciò, i primi 100mila utenti per numero di transazioni riceveranno anche un super premio, corrispondente a 1500 euro. Quest’ultimo ha però fatto discutere molto negli ultimi mesi per via di coloro che hanno effettuato micro operazioni con l’unico scopo di scalare le classifiche del concorso. Ma procediamo per ordine e vediamo innanzitutto cosa prevede il regolamento.

Cashback e super cashback verso il pagamento: le informazioni da conoscere

Dal punto di vista pratico, l’iscrizione al cashback richiede l’inserimento di un codice IBAN tra i propri dati personali. Quest’ultimo è utilizzato da Consap S.p.A. per effettuare il bonifico riguardante l’accredito del cashback relativo al semestre concluso. Il concorso termina ufficialmente il prossimo 30 giugno 2021. Dopo questa scadenza, passeranno circa una decina di giorni prima che tutte le transazioni saranno correttamente registrate.


Leggi anche: Reddito di cittadinanza, pagamento dal 27 luglio 2021: al via la nuova carta RdC maggiorenni

Questo significa che la classifica definitiva sarà disponibile verso la metà del mese di luglio. Per quanto concerne il rimborso, il pagamento potrà essere eseguito entro 60 giorni dal termine del periodo di validità del concorso. Questo significa che Consap avrà tempo fino al termine di agosto 2021 per procedere con gli accrediti. I primi bonifici sono comunque attesi già nella seconda metà del mese di luglio 2021.

Entro la fine del mese di giugno resta possibile cambiare l’Iban indicato per l’accredito. Eventuali reclami in caso di mancata ricezione del rimborso andranno inoltrati sul portale della Consap. Per farlo occorre però registrarsi. Una volta inviato l’interpello, Consap valuterà ogni singolo caso e risponderà comunque entro 30 giorni dall’invio.

I furbetti rischiano l’esclusione, ma il concorso cashback va verso la conferma

Ritornando su quanto anticipato all’inizio, tra i temi caldi relativi ai pagamenti del super cashback resta il nodo dei cosiddetti furbetti. Si tratta di coloro che hanno portato avanti strategie di acquisto finalizzate esclusivamente a rientrare tra i primi 100mila utilizzatori, acquisendo così il premio da 1500 euro. Al riguardo Consap e Mef hanno già avviato i controlli relativi al super premio.

Coloro che hanno portato avanti comportamenti fraudolenti rischiano di venire esclusi dal concorso e quindi di non ricevere i rimborsi. Secondo quanto evidenziato dallo stesso Ministero dell’Economia, i contribuenti che non sapranno giustificare le operazioni di acquisto ravvicinate e di importi minimi presso lo stesso esercente verranno penalizzati con l’esclusione. In tal caso, non sarà però applicata alcuna sanzione ma verrà comunque vanificata l’iscrizione al programma.


Potrebbe interessarti: Pensioni anticipate 2022: nuovo incontro tra governo e sindacati sul post quota 100

Sul lungo termine, il programma di rimborso sembra comunque destinato a proseguire. Probabilmente in futuro potrebbero esserci dei cambiamenti al regolamento finalizzati a evitare comportamenti scorretti. Ma complessivamente il cashback di Stato ha raccolto un interesse superiore alle aspettative, portando anche a una crescita del ricorso ai pagamenti elettronici. Un risultato in linea con l’obiettivo di ridurre l’utilizzo dei contanti e di contrastare il nero e l’evasione fiscale.