Certificato di residenza, cos’è e come richiederlo: tempi e costi

-
19/07/2022

Certificato di residenza, cos’è e come richiederlo: tempi e costi

Certificato di residenza, cos’è e come si ottiene? Il documento è fondamentale per dimostrare la propria dimora abituale. Al suo interno contiene infatti tutti i dati relativi alla residenza attuale di una persona. Può essere utilizzato per diversi scopi. Infatti, la richiesta di esibizione del certificato può arrivare sia da parte della pubblica amministrazione, sia da un soggetto privato.

Ad esempio, quando si desidera ottenere un sussidio pubblico (nel primo caso), oppure quando si vuole sottoscrivere un contratto con la propria banca. È quindi importante comprendere come si ottiene il certificato di residenza e quali sono i tempi e i costi che andranno rispettati.

Dove chiedere il certificato di residenza: le diverse modalità disponibili

Partiamo da dove richiedere l’emissione del certificato di residenza. Attualmente esistono diverse possibilità alternative all’Ufficio Anagrafe del Comune. È infatti possibile, in molti casi, ottenere il certificato tramite domanda online o per email. Si può anche effettuare la richiesta tramite telefono, oppure presso Poste Italiane. A tal proposito, è però opportuno sottolineare che non sempre sono attive tutte queste alternative.

In molti casi, dipenderà dal Comune di residenza. Ad esempio, per poter ottenere il certificato online occorre che il portale web del Comune di riferimento abbia attivato questa opzione. È indispensabile infatti l’attivazione dei servizi telematici da parte della pubblica amministrazione.


Leggi anche: Pensioni Pepp, c’è l’ok alla previdenza integrativa portabile in Europa

Come funziona l’emissione del certificato di residenza online

Qualora il Comune abbia attivato il servizio digitale, al cittadino verrà richiesto di dimostrare la propria identità tramite accesso con SPID. In alternativa, per i servizi offerti dalla P.A. è possibile effettuare il riconoscimento digitale anche tramite CNS (carta nazionale dei servizi) oppure CIE (carta di identità elettronica).

Il certificato emesso avrà valore legale e potrà essere stampato direttamente dal cittadino. Quest’ultimo dovrà però apporre l’apposito bollo da 16 euro, qualora richiesto. Attenzione perché il bollo deve avere la stessa data di emissione del certificato.

Certificato di residenza: l’emissione tramite l’ufficio comunale

Qualora non sia presente la modalità di emissione tramite servizi telematici oppure si desideri avere il certificato nel più breve tempo possibile occorre recarsi presso lo sportello dell’anagrafe del proprio Comune di residenza. Questa è infatti la modalità più veloce per poter ottenere il documento. Il primo passaggio da fare sarà quindi di verificare gli orari di apertura dell’ufficio.

In seconda battuta, è opportuno premunirsi di tutti i documenti necessari, così da essere sicuri di ottenere il rilascio contestualmente alla prima visita. Occorre presentarsi allo sportello con un documento di riconoscimento, come la carta di identità e il codice fiscale. Questi servono per l’accertamento dei dati.

L’ufficio può richiedere anche la patente e il libretto di circolazione, indispensabili nel caso si desideri aggiornare un cambio di residenza sui documenti del veicolo. In caso di nuova residenza, sono necessari anche il contratto di compravendita della casa, oppure di locazione. I dati catastali riportati all’interno sono infatti indispensabili per associare la nuova residenza alla persona.

Certificato di residenza tramite Poste Italiane, email o telefono

Come anticipato, sono disponibili anche altre opzioni percorribili da chi non ha urgenza per ottenere il certificato di residenza. Tra i diversi canali ci sono anche Poste Italiane. La richiesta deve essere inoltrata tramite gli appositi moduli disponibili presso la rete Sportello Amico degli uffici postali.


Potrebbe interessarti: Bonus 200 euro autonomi e professionisti: arriva il decreto

È possibile ottenere il certificato anche tramite email Pec (posta elettronica certificata). In questo caso, l’intestatario della Pec deve coincidere con il richiedente. Infine, molti Comuni offrono anche la possibilità di chiedere il documento tramite telefono. Il certificato viene inviato tramite servizio postale al domicilio indicato, mentre il pagamento viene effettuato tramite telefono utilizzando una carta di credito.

Quanto costa un certificato di residenza: le differenze in base alla modalità di richiesta

Il costo del certificato di residenza varia in base alle differenti modalità di richiesta. Qualora sia emesso in carta semplice e tramite servizi telematici online risulta gratuito. Presso lo sportello del Comune bisognerà invece sostenere perlomeno i diritti di segreteria, corrispondenti a 0,26 €. Se si vuole avere il certificato in carta legale bisognerà invece corrispondere 0,52 €. Ma in questo caso serve anche apporre una marca da bollo da 16,00 €.