Detrazione per acquisto medicinali omeopatici da indicare nel rigo E1, i documenti necessari

-
16/07/2020

Spese sanitarie e medicinali omeopatici, quali possono ottenere la detrazione fiscale nel modello 730 precompilato e quali documenti conservare?

Detrazione per acquisto medicinali omeopatici da indicare nel rigo E1, i documenti necessari

Siamo alle prese con il 730 precompilato e le detrazioni sono tante e anche tanti i dubbi su cosa si può portare in detrazione del reddito e cosa no. Oggi esaminiamo il quesito di una signora che ci chiede se i medicinali omeopatici sono ammissibili, analizziamo cosa prevede il Fisco

Detrazione per acquisto medicinali omeopatici

“Buongiorno, vorrei sapere se posso scaricare nella dichiarazione le spese sostenute per l’acquisto di medicinali omeopatici e se serve una documentazione diversa dallo scontrino, la ringrazio per la risposta Rosaria”.

Carissima, 

la normativa precisa che la detrazione per l’acquisto di medicinali omeopatici è possibile se la spesa è certificata da scontrino fiscale “parlante” (deve contenere la natura del prodotto, la qualità, la quantità e il codice fiscale della persona che sostiene la spesa) o la fattura con le stesse caratteristiche. 

Bisogna precisare che quanto si parla di qualità, si intende la denominazione specifica del medicinale omeopatico che riporti il numero dell’autorizzazione all’immissione in commercio, il codice AIC. 

Lo scontrino ha una funzione decisiva per la detrazione, se riporta la dicitura “parafarmaco” la spesa non può essere inserita nel 730 precompilato né come deduzione né come detrazione. Questa dicitura in genere viene utilizzata per l’acquisto di integratori alimentari, colliri, pomate, prodotti fitoterapici, ecc. 

Tutte le spese sostenute per l’acquisto di prodotti naturali curativi, non sono considerati medicinali e quindi non danno diritto alla detrazione fiscale anche se l’acquisto viene effettuato in farmacia. 

Quindi, la prima cosa è quella di analizzare lo scontrino fiscale parlante e verificare la dicitura e soprattutto il nome del prodotto acquistato. 

Se il prodotto è acquistato in farmacia con la prescrizione medica,  e lo scontrino riporta la dicitura “ticket” non è necessario conservare la fotocopia della ricetta medica. 

Riepilogando, se i medicinali omeopatici sono indicati correttamente nello scontrino e non sono stati acquistati con ricetta medica che riporti ticket nello scontrino parlante, lei deve conservare oltre allo scontrino anche la copia dello specialista che le ha prescritto il medicinale. 

Il costo da portare in detrazione deve essere inserito nelle spese sanitarie al rigo E1, con il modello 730 precompilato, tale spesa se correttamente comunicata dalla farmacia tramite il servizio telematico TS, già dovrebbe essere riportata nel modello 730.