Detrazione spese mediche disoccupato: 730 congiunto o senza sostituto d’imposta?

-
22/05/2020

Come possono essere portate in detrazione le spese sanitarie sostenute da un disoccupato non sposato? Vediamo le possibilità.

Detrazione spese mediche disoccupato: 730 congiunto o senza sostituto d’imposta?

Cosa accade se un contribuente disoccupato ha accumulato spese mediche da portare in detrazione? Può procedere a inserirle in un 730 congiunto o può presentare un 730 autonomo senza sostituto di imposta? In entrambi i casi è necessario rispettare i requisiti richiesti dai due modelli di dichiarazione dei redditi.

Detrazione spese mediche in 730

Una nostra  lettrice ci scrive: Buongiorno, sono disoccupata e quindi non ho un sostituto d’imposta. Per avere il rimborso delle spese mediche posso metterle nel 730 del mio convivente? Non siamo sposati

Il 730 congiunto (sia precompilato che ordinario) può essere presentato solo in alcuni casi.

E’ bene specificare che la dichiarazione congiunta può essere presentata soltanto dai coniugi. Per chi non è sposato, quindi,  il 730 congiunto è da escludere a priori. Tale modello, inoltre, può essere presentato dai coniugi solo in determinate circostanze:

  • entrambi devono possedere solo i redditi che permettono la dichiarazione con il 730 ordinario o precompilato
  • almeno uno dei due deve essere nella condizione di poter presentare il modello 730 per la dichiarazione dei redditi.

Escludendo, quindi, la possibilità di presentare un 730 congiunto con il suo convivente, vediamo come può procedere per recuperare le detrazioni relative alle spese mediche che ha sostenuto.

730 senza sostituto di imposta

Indipendentemente dal fatto che attualmente risulti disoccupata, infatti, se in possesso di determinati requisiti potrebbe anche presentare un modello 730 senza sostituto di imposta.

Il 730 senza sostituto d’imposta può essere utilizzato da chi ha perso il lavoro e non ha più un sostituto di imposta (nel 2020, L’Agenzia delle Entrate ha reso noto che potranno utilizzare il 730 senza sostituto di imposta anche  i lavoratori dipendenti che il sostituto di imposta ce l’hanno, a causa del Coronavirus).

Può presentare il 730 senza sostituto d’imposta a patto che soddisfi le seguenti condizioni: deve possedere, nell’anno 2019, redditi da lavoro dipendente, da pensione o redditi assimilati (collaborazioni, redditi da Naspi, ecc..).

Se rientra in queste condizioni, quindi, può portare in detrazione le spese sanitarie  presentando la sua dichiarazione dei redditi senza sostituto d’imposta.