Incentivi auto 2021, in arrivo altri 300 milioni: dalle auto ibride alle elettriche, le informazioni operative

-
06/07/2021

Il mercato dell’auto si prepara a ricevere nuovi incentivi per 300 milioni di euro all’interno del Sostegni Bis. Il successo delle iniziative precedenti richiede infatti un rifinanziamento, al fine di garantire al settore la ripresa post Covid-19.

Incentivi auto 2021, in arrivo altri 300 milioni: dalle auto ibride alle elettriche, le informazioni operative

Gli incentivi auto vedono arrivare altri 300 milioni di euro. Il governo è pronto a rifinanziare gli interventi nel settore con 250 milioni di euro destinati all’acquisto di auto euro 6. Ulteriori 50 milioni di euro servirebbero per finanziare l’acquisto di auto elettriche, così da favorire la transizione energetica verso l’energia pulita.

L’ok definitivo al provvedimento dovrebbe arrivare entro giovedì, quando la commissione bilancio della Camera dei Deputati approverà gli emendamenti al cosiddetto decreto Sostegni Bis. Tra questi, vi sono infatti anche quelli derivanti dalla discussione interna alla maggioranza e dal governo e pensati per affinare ulteriormente il pacchetto di aiuti economici.

Bonus auto 2021, la distribuzione degli incentivi in base alla tipologia degli acquisti

Arrivati alla metà dell’anno si rende quindi necessario un intervento di “manutenzione” per gli incentivi all’acquisto di nuove auto. Tutto ciò, nonostante le agevolazioni precedenti non siano ancora esaurite completamente. Resta il fatto che il bonus auto 2021 garantisce un aiuto importante per chi desiderava cambiare la propria autovettura.


Leggi anche: Fondo imprese in difficoltà: domande in riapertura

In particolare, vengono offerti fino a 8mila euro (oltre a 2mila euro aggiuntive garantite dal venditore) per l’acquisto di un’auto nuova con emissioni CO2 da 0 a 20 g/km. Si scende a 5mila euro nello stesso caso, ma senza rottamazione. Per chi acquista un’auto nuova con emissioni da 21 a 60 g/km è possibile inoltre ottenere un incentivo di 4500 euro (oltre a 2mila euro di sconto del rivenditore) con rottamazione e di 2500 euro senza rottamazione.

Per le vetture euro 6 (sia benzina che diesel) i fondi sono stati esauriti a giugno, motivo per il quale si rende necessario un rifinanziamento degli incentivi. Un’eventualità che risulta molto probabile, vista l’intenzione espressa dal governo. Sarà poi interessante capire se lo schema degli incentivi appena riportato sarà modificato o lasciato invariato.

Incentivi auto: le ipotesi su come saranno indirizzati i fondi

Dal punto di vista pratico, la distribuzione dei fondi dovrebbe andare a garantire la possibilità di acquisto con sconto delle auto euro 6 fino al 31 dicembre 2021 con 250 milioni di euro. Di questi, 50 milioni sarebbero destinati al rinnovo dei veicoli commerciali e 200 agli acquisti dei privati. Altri 50 milioni dovrebbe inoltre sostenere il mercato delle auto puramente elettriche.

Nonostante gli incentivi, il settore fatica infatti a decollare e le vendite procedono lentamente per via dei prezzi elevati delle nuove vetture. Il punto non appare scontato, perché l’effetto dell’incentivo è diluito ponendo dubbi in fase di acquisto. A ciò va anche aggiunta la necessità di migliorare la rete di punti di ricarica delle auto. Un altro fattore in grado di sdoganarne l’utilizzo di massa.


Potrebbe interessarti: Imu seconda rata: scadenza del 16/12, esenzioni e riduzioni