Lotteria degli scontrini 2021 in partenza il 1° febbraio: registrazione per partecipare, cos’è e cosa si vince, le regole dell’Agenzia delle Entrate

-
28/01/2021

In partenza la lotteria degli scontrini 2021. Dopo numerosi rinvii si parte il prossimo 1 febbraio, la prima estrazione è fissata al 12 marzo, ma i commercianti dovranno adeguarsi solo entro il 1 aprile.

Lotteria degli scontrini 2021 in partenza il 1° febbraio: registrazione per partecipare, cos’è e cosa si vince, le regole dell’Agenzia delle Entrate

Parte il prossimo 1° febbraio 2021 la lotteria degli scontrini. Dopo diversi ritardi e numerose critiche (da parte degli esercenti e dell’opposizione), sembra poter prendere finalmente il via l’iniziativa volta a contrastare l’evasione. La prima estrazione ufficiale è fissata il prossimo 12 marzo, pertanto i tempi sono ristretti. D’altra parte, continua a sussistere un po’ di confusione in merito all’effettiva partenza dell’operazione. I dubbi riguardano principalmente la data entro la quale i commercianti sono tenuti ad adeguarsi.

L’Agenzia delle Entrate ha infatti stabilito che per aggiornare il registratore di cassa telematico (in modo da consentire la trasmissione dei corrispettivi) ci sarà tempo fino al prossimo 1° aprile 2021. Di conseguenza, molti esercenti potrebbero non essere pronti a garantire la partecipazione al concorso. Il rischio è di procedere a macchia di leopardo, con possibili contestazioni da parte dei consumatori. I quali potranno comunque segnalare gli esercenti che si rifiutano di fornire il codice lotteria a partire dal prossimo 1° marzo (data sancita dal decreto Milleproroghe).


Leggi anche: Pensioni anticipate, una riforma per uscire da 62, 63 e 64 anni di età

Cos’è la lotteria degli scontrini e come si ottiene il codice lotteria

Come anticipato, la partenza della lotteria degli scontrini sembra quindi destinata a risultare in salita. Il concorso è stato pensato per contrastare l’evasione fiscale e disincentivare l’uso dei contanti. I cittadini maggiorenni che sceglieranno di aderire potranno quindi partecipare al concorso registrandosi e ottenendo il proprio codice di riferimento all’interno del sito www.lotteriadegliscontrini.gov.it.

Per ottenerlo basterà inserire il proprio codice fiscale. Verrà quindi fornito un codice da utilizzare ogni volta che si eseguirà un acquisto elettronico presso un esercente. Nel caso si smarrisca il proprio codice, se ne potrà ottenere uno nuovo richiedendolo con le stesse modalità sul Portale Lotteria dell’Agenzia delle Entrate.

Come partecipare alla lotteria degli scontrini

Dal punto di vista pratico, per partecipare alla lotteria degli scontrini è necessario effettuare un acquisto valido di beni e servizi per un importo uguale o superiore a un euro. Risulteranno però validi solo gli acquisti effettuati tramite una transazione elettronica, pertanto facendo ricorso a bancomat, carte prepagate, carte di credito o similari.

Sono invece esclusi tutti gli acquisti effettuati in contanti, oltre agli scontrini per acquisti effettuati online o nell’esercizio di un’attività d’impresa. Per quanto concerne invece le categorie di riferimento, sono esclusi i pagamenti misti (con carta e contanti) e quelli effettuati tramite ticket restaurant. Risultano tagliati fuori dal concorso anche gli acquisti detraibili, come nel caso dei farmaci.


Potrebbe interessarti: Super Green Pass: cos’è, come funziona il decreto e come si ottiene

Lotteria degli scontrini: ecco come funzionano le estrazioni e quanto si vince

Dal punto di vista pratico, il concorso prevede delle estrazioni mensili e annuali. Per quanto riguarda invece la decorrenza delle estrazioni settimanali, si è ancora in attesa di conferme ma al momento sembra che dovrebbero concretizzarsi ogni giovedì. Infine, è importante sottolineare che ogni scontrino può partecipare contemporaneamente a tutte e tre le estrazioni.

Rispetto alle possibilità di vincita, ogni settimana ci sono in palio 15 premi da 25mila euro per il consumatore e 15 premi da 5mila euro per l’esercente. I 10 premi mensili corrispondono invece a 100mila euro per il consumatore e a 20mila euro per ogni esercente. Mentre il premio annuale corrisponde a 5 milioni di euro per il consumatore e a 1 milione di euro per l’esercente. Tutti i premi sono pagati direttamente dall’Agenzia delle Entrate con bonifico bancario e non sono assoggettati a tassazione (come invece avviene per gratta e vinci o altre lotterie nazionali).

I vincitori ricevono un avviso immediato tramite sms, email o istant messaging e un ulteriore avviso tramite raccomandata o PEC. Entro 90 giorni dalla ricezione della comunicazione sono tenuti a reclamare il premio. Nel caso in cui quest’ultimo non venga ritirato, concorrerà a formare gli eventuali altri premi messi a disposizione per il concorso annuale.

Le proteste dei commercianti e le richieste di rinvio del concorso

Stante il quadro della situazione, bisogna sottolineare che a oggi un’ampia platea di commercianti e operatori del settore non ha ancora provveduto ad aggiornare i propri registratori di cassa. Tra i motivi c’è certamente da annoverare anche la difficile situazione dettata dal coronavirus e le misure restrittive imposte con i recenti lockdown.

Al riguardo, Confcommercio ha chiesto di concretizzare un nuovo rinvio, facendo coincidere la partenza del concorso con la scadenza fissata per l’adeguamento dei registratori di cassa. Tutto ciò, anche per evitare possibili distorsioni derivanti dall’oggettiva situazione di incertezza.