Modello 730/2021, novità su scadenza, istruzioni e compilazione: la guida dell’Agenzia delle Entrate

-
05/05/2021

Modello 730/2021 e dichiarazione dei redditi. A partire dal prossimo 10 maggio diventerà disponibile la versione precompilata del 730. Tante le novità per i contribuenti con i bonus approvati tramite i nuovi decreti.

Modello 730/2021, novità su scadenza, istruzioni e compilazione: la guida dell’Agenzia delle Entrate

Il modello 730/2021 entra nel vivo con le istruzioni e le scadenze indicate all’interno della documentazione resa disponibile dall’Agenzia delle Entrate. L’ente di riscossione ha infatti diffuso il modello fiscale già dallo scorso 15 gennaio. Nei prossimi giorni partirà quindi ufficialmente la stagione delle dichiarazioni. A partire dal 10 maggio sarà possibile scaricare la cosiddetta precompilata. La scadenza per la presentazione è invece fissata al prossimo 30 settembre.

Di fatto, all’interno del nuovo modello dichiarativo sono state implementate le numerose novità previste con gli ultimi decreti. Si va dal superbonus al 110% al cosiddetto bonus Irpef (in sostituzione del bonus Renzi). Ma ovviamente saranno presenti anche le altre misure pensate per sostenere e rilanciare l’economia dopo la grave crisi seguita alla diffusione del coronavirus.

Per l’invio del modello 730 la scadenza chiave è fissata al prossimo 30/09

Dal punto di vista pratico, la principale data da tenere a mente per l’invio della dichiarazione al fine di non incorrere in problemi è quella del 30 settembre 2021. Il modello 730/2021 fa riferimento ai redditi prodotti nel corso del 2020 e può essere presentato attraverso differenti modalità. Il cittadino può procedere in autonomia utilizzando in modo diretto i servizi digitali offerti dall’Agenzia delle Entrate.


Leggi anche: Cashback e Super cashback 2021: verso l’accredito del rimborso, info e date su quando arriva

In alternativa è possibile rivolgersi al proprio Centro di Assistenza Fiscale (CAF) oppure a un professionista abilitato. Infine, è possibile anche agire tramite il sostituto d’imposta. La dichiarazione precompilata permette di facilitare il passaggio compilativo, riportando già una impostazione di base con i dati relativi al 2020. Quest’ultima può essere modificata o semplicemente confermata.

Il modello definitivo del 730/2021 già disponibile dallo scorso 15 gennaio 2021

Il modello utile per la dichiarazione dei redditi tramite 730/2021 è stato presentato lo scorso 15 gennaio 2021. L’invio permette di ottenere il rimborso dei crediti fiscali tramite la pensione o la busta paga, oppure il rimborso della stessa Agenzia delle Entrate. Per chi risulta a debito, le somme vengono trattenute tramite le stesse modalità (in caso di sostituto d’imposta).

Nella versione precompilata saranno presenti tutti i dati inviati all’attenzione dell’ente di riscossione. Dalle certificazioni uniche (CU) ai carichi familiari, fino alle ritenute IRPEF, alle trattenute e ai compensi per lavoro autonomo occasionale. Vengono inseriti anche gli oneri deducibili e detraibili comunicati tramite gli appositi sistemi d’invio, come avviene ad esempio per le spese sanitarie o i contributi previdenziali.

Le novità in arrivo con la nuova versione del modello 730 per via dei recenti decreti

Rispetto al quadro della situazione appena evidenziato, può essere interessante esplorare quali sono le principali novità derivanti dai decreti legati al Coronavirus. A partire dal mese di luglio dello scorso anno il governo ha deciso un credito IRPEF di 100 euro in sostituzione dell’ex bonus Renzi. La misura prevede anche una detrazione di 80 euro per chi possiede redditi dalle 28mila euro, con un tetto fissato a 40mila euro.


Potrebbe interessarti: Bonus bollette 2021 con sconto automatico: ecco chi potrà ottenerlo e come si accede

Vi è poi il nuovo superbonus al 110% previsto con il decreto Rilancio per i recuperi di efficientamento energetico degli immobili e gli interventi strutturali antisismici. All’interno dello stesso settore c’è inoltre il bonus facciate (con detrazione del 90% per edifici in zone A e B). Infine, è opportuno ricordare anche gli altri bonus legati alla mobilità sostenibile. È il caso, ad esempio del bonus biciclette e monopattini.