Niente detrazioni per queste spese mediche: ecco quelle non ammesse

-
22/05/2020

Non tutte le spese mediche e sanitarie sono detraibili: facciamo particolare attenzione a quelle rimborsate da eventuali assicurazioni.

Niente detrazioni per queste spese mediche: ecco quelle non ammesse

Per chi si appresta a modificare o inviare il 730 precompilato, è bene sapere che non tutte le spese sanitarie sostenute nel corso dello scorso anno possono essere portate in detrazione. La normativa fiscale, infatti, precede che solo alcune spese mediche possano essere considerate per le detrazioni (e così anche per le deduzioni). Cerchiamo di capire come funziona.

Niente detrazioni per queste spese mediche

La cosa importante, quindi, è prendere in esame cosa si allega alla dichiarazione dei redditi perchè in caso si indichino delle detrazioni per spese mediche non spettanti si potrebbe incorrere in controlli fiscali da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Precisiamo, anche se non credo ce ne sia bisogno, che le spese che si portano in detrazione devono essere sostenute dal contribuente, con alcune eccezioni. Le spese sanitarie pagate dal contribuente ma rimborsate da un’assicurazione (o anche se incluse in un piano assicurativo facoltativo) anche se si è in possesso dell’eventuale scontrino parlante o della relativa fattura intestata, non possono essere detratte, poichè sono state rimborsate al contribuente e non concorrono alle detrazioni.

Ma anche all’eccezion c’è un’eccezione. Possono essere considerate a carico del contribuente anche quelle spese sostenute e rimborsate in alcuni casi. Cerchiamo di capire perchè. A stabilirlo è la legge 917 del 1985 all’articolo 15, comma 1 che afferma che si considerano a carico del contribuente anche quelle spese rimborsate per effetto di premi o contributi di assicurazioni che non concorrono alle detrazioni o che non sono deducibili dal reddito.

Cosa significa tutto questo? Nel caso le spese siano rimborsate da una assicurazione facoltativa per cui il contribuente paghi un contributi o un premio non deducibile dal reddito, le eventuali spese mediche rimborsate a quell’assicurazione possono essere portate in detrazione poichè è come se, per il rimborso, il contribuente abbia pagato un canone non deducibile.


Leggi anche: Reddito di cittadinanza: stagionali con 3mila euro di cumulo 

Sembrerebbe un discorso un pò complesso e articolato, ma per poter aver chiarezza al riguardo basterà comunicare al CAF o al professionista abilitato che sono state rimborsate da un’assicurazione facoltativa di cui non si detrae o deduce il premio assicurativo.