Proroga: pignoramenti, cartelle esattoriali e versamenti, la rottamazione anche?

-
19/08/2020

Novità decreto agosto: tutte le scadenze prorogate al 15 ottobre e slittamento anche delle rateizzazioni, ma le rate della rottamazione e saldo e stralcio, sono prorogate? Ecco tutte le ultime news.

Proroga: pignoramenti, cartelle esattoriali e versamenti, la rottamazione anche?

Le novità del decreto Agosto prevedono che tutti i versamenti fiscali, i piani di rateizzazione e i vari controlli spostai al 15 ottobre 2020. Restano invariate le rate di pagamento della rottamazione ter e saldo e stralcio al 10 dicembre 2020. Di seguito la tabella con le scadenze prorogate al 10 dicembre e quelle spostate al 15 ottobre previste dal Fisco

Rottamazione ter e saldo e stralcio: termine invariato

Le rate di rottamazione ter e saldo e stralcio non pagate nel 2020 si potranno pagare entro e non oltre il 10 dicembre. Non è ammessa la tolleranza dei cinque giorni. Se le rate non vengono pagate entro il 10 dicembre 2020 si perde l’agevolazione e le somme già corrisponde sono considerate come acconto sull’intero debito con aggravio di interessi e sanzioni. L’Agenzia delle Entrate Riscossione procederà con  le azioni esecutive per recuperare il debito accumulato. 

Ecco la tabella con le scadenze da rispettare:

tabella saldo e stralcio e rottamazione ter

Alcune importanti chiarimenti sono stati pubblicati dall’Agenzia delle Entrate sul pignoramento del conto corrente e l’adesione alla rottamazione ter che in alcuni casi non blocca l’azione esecutiva. È possibile trovare qui tutti i chiarimenti: Rottamazione cartelle esattoriali e pignoramento: il conto corrente non viene sbloccato

Sospese cartelle esattoriali, fermi amministrativi e pignoramenti

Si allungano i tempi prefissati al 31 agosto e adesso spostati dal decreto Agosto il 15 ottobre. Restano sospesi le notifiche delle cartelle esattoriali, invio di atti di riscossione (pignoramenti, atti amministrativi, ipoteche, ecc.). 


Leggi anche: Spid, l’Agenzia delle Entrate rottama le password dall1/10

Più tempo per effettuare i pagamenti che derivano da avvisi bonari o accertamento esecutivo e cartelle esattoriali, tutto entro il 30novembre 2020; in effetti entro la fine del mese successivo quello della sospensione. 

Fino alla stessa data restano bloccati i pignoramenti presso terzi su pensioni, stipendi, o trattamenti assimilati. 

L’Agenzia delle Entrate Riscossione chiarisce che le somme oggetto di pignoramento non hanno nessun vincolo di indisponibilità. 

I piani di dilazioni sono stati congelati, contratti tra l’8 marzo e il 15 ottobre 2020. Le rate dovranno essere riprese entro il 30 novembre 2020. 

Nel decreto Agosto, inoltre, tutte le rateizzazione all’8 marzo 2020 e per le nuove domande presentate entro il 15 ottobre 2020, la decadenza della dilazione si verifica non più dopo cinque rate ma dopo dieci rate, anche se non sono consecutive.