Riduzione Irap (saldo e acconto) i chiarimenti dell’AdE

-
01/09/2020

Riduzione Irap sia per saldo che per primo acconto, l’Agenzia delle Entrate pubblica la circolare con le modalità operative.

Riduzione Irap (saldo e acconto) i chiarimenti dell’AdE

L’Agenzia delle Entrate con la circolare numero 25/E del 20 agosto 2020, interviene sulla riduzione dell’Irap contenuta nel decreto Rilancio all’articolo numero 24 e fornisce indicazioni su come compilare le dichiarazione dei redditi 2020 riferite ai redditi prodotti nell’anno 2019. La misura è entrata in vigore come misura urgente per sostegno all’economia e al lavoro, di fronte all’emergenza epidemiologica da Covid-19. 

Il decreto Rilancio a sostegno dell’economia

Il decreto Rilancio, contiene tante misure di sostegno fiscale alle imprese, ai lavoratori autonomi. Tutte queste misure sono finalizzate a fronteggiare la grave crisi di liquidità venutasi a creare con l’emergenza coronavirus e aiutare i soggetti che svolgono un’attività economica o professionale, a sostenere le spese per interventi imposti dalle misure di emergenza da Covid-19. L’Agenzia ha reso disponibile nella circolare in oggetto i primi chiarimenti interpretativi per poter accedere alle agevolazioni fiscali, tra cui compare anche il taglio dell’Irap (saldo e acconto). 


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

Taglio del saldo Irap 

L’Agenzia delle Entrate nella circolare n. 25/E, in merito al taglio del saldo Irap calcolato per il periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2019 e il primo acconto Irap per il periodo successivo, prevede che sono esclusi dalla soglia dei compensi/ricavi le: imprese di assicurazione, gli intermediari finanziari e le amministrazioni pubbliche. Sono incluse nella soglia dei compensi/ricavi le società di partecipazione non finanziaria. 

Beneficiari e rispetto della soglia 

Sono ammessi al beneficio, ma solo se rispettano la soglia di 250miliioni di euro, i soggetti passivi ai fini Irap differenti da quelli sopra indicate gli enti commerciali privati che svolgono attività commerciale non prevalente. 

Al taglio Irap possono accedere liberamente, gli enti non commerciali con sola attività istituzionale. Sono invece tenuti a considerare la soglia dei 250 milioni di euro, gli enti che esercitano un’attività commerciale e istituzionale. 

La circolare dell’Agenzia delle Entrate numero 25/E del 20 agosto 2020 fornisce indicazioni sulle modalità di compilazione delle dichiarazioni annuali dei redditi ai fini Irap in relazione alla corretta esposizione dell’agevolazione prevista nel decreto Rilancio. 

Trovano utilità ai chiarimenti emanati dall’Agenzia delle Entrate coloro che devono presentare la dichiarazione dei redditi entro il 30 novembre 2020.


Potrebbe interessarti: Cassa integrazione COVID Ristori Bis: come funziona la proroga e quanto dura, ecco le prime istruzioni Inps

È possibile consultare qui la circolare in oggetto: Circolare n. 25/E del 20 agosto 2020