Spese mediche detraibili nel 2020: serve la prova del conto corrente

-
31/07/2020

Spese mediche per la detrazione fiscale bisogna esibire al Caf o al professionista l’addebito del pagamento in conto corrente, la risposta dell’Agenzia delle Entrate

Spese mediche detraibili nel 2020: serve la prova del conto corrente

Le spese mediche sono detraibile nella dichiarazione dei redditi annuali (modello 730 o Redditi). La normativa nel 2020 ha previsto che alcune spese sanitarie per essere detratte devono essere pagate con mezzi tracciabili. La situazione si complica per i commercialisti e per i contribuenti. Inizialmente questa semplificazione sembrava un sistema complesso ma con il vantaggio di ritorno, che consiste di ritrovare in automatico tutte le spese pagate nel modello dichiarativo dei redditi. Il Fisco attraverso le semplificazioni complica il sistema fiscale. Cerchiamo di capire perché.

Spese mediche detraibili: la risposta dell’Agenzia delle Entrate

In un interpello dell’Agenzia delle Entrate risposta 230, viene chiarito che per detrarre le spese mediche sostenute nel 2020 con sistemi di pagamento elettronici, il contribuente dovrà esibire al Caf o al commercialista non solo la fattura o lo scontrino fiscale parlante dei pagamenti effettuati tramite app, ma anche l’estratto conto bancario, che rileva l’addebito della spesa.

La risposta dell’Agenzia delle Entrate del 29 luglio, chiarisce che chi paga con sistemi di moneta elettronica dovrà esibire, oltre alla ricevuta di pagamento, anche l’effettivo addebito in conto corrente come prova al professionista che elabora il dichiarativo.


Leggi anche: Spid, l’Agenzia delle Entrate rottama le password dall1/10

L’Agenzia delle Entrate ammette che i pagamenti con moneta elettronica sono tracciati con qualsiasi sistema di e-payment, ma afferma che per la spesa per essere detratta deve essere riportata nell’estratto conto e, se l’estratto di conto corrente non riporta le esatte indicazioni il contribuente deve esibire anche la copia delle ricevute in App. 

Quindi, per chi sostiene spese mediche attraverso l’App si consiglia di conservare tutte le ricevute, per non avere brutte sorprese all’atto della dichiarazione dei redditi 2021 che riporta i redditi  e le spese del 2020. Insomma, tanta semplificazione e si continua a conservare ricevute e notule, con il rischio di perdere il diritto alle detrazioni fiscali. Inoltre, cresce sempre di più il lavoro dei professionisti che devono controllare non solo lo scontrino fiscale ma anche il pagamento con addebito in conto corrente o la ricevuta dell’App. 

Ti potrebbe interessare anche: Spese mediche con legge 104, detraibili integralmente nel 730/2020