Superbonus 110%: detrazione, congruità e portale unico, le ultime novità

-
23/07/2020

Superbonus 110% la comunicazione telematica all’Agenzia delle Entrate con visto di conformità, ultimi chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate e del Mise sul listino prezzi per la congruità delle spese per interventi.

Superbonus 110%: detrazione, congruità e portale unico, le ultime novità

Le novità sul Superbonus al 110% sono all’ordine del giorno, l’Agenzia delle Entrate ha annunciato che in settimana sarà pubblicata un guida e una circolare con tutte le indicazioni per accedere al bonus casa 110% che prevede interventi trainanti che migliorano l’efficientamento energetico dell’edificio e la messa in sicurezza statica. Il Superbonus al 110% prevede la possibilità di cessione del credito a soggetti terzi, sconto in fattura e detrazione fiscale, tutto a carico del Fisco

Superbonus 110%: i chiarimenti dell’AdE

Ernesto Maria Ruffini, direttore dell’Agenzia delle Entrate, ha affermato che la comunicazione inerente alle spese sostenute per gli interventi effettuati delle singole unità abitative, andrà effettuata esclusivamente in via telematica, direttamente dal beneficiario della detrazione oppure è possibile avvalersi di un intermediario abilitato. La procedura da utilizzare è disponibile nell’area riservata del portale dell’Agenzia delle Entrate. Bisogna precisare che per gli interventi con detrazione, la comunicazione sarà trasmessa dal soggetto che rilascia il visto di conformità che dovrà attestare la sussistenza dei requisiti che danno diritto alla detrazione fiscale.


Leggi anche: Contact center INPS: numero verde dall’Italia e dall’estero

Visto di conformità anche con detrazione

L’Agenzia delle Entrate, specifica che il visto di conformità dovrà essere sempre rilasciato anche per beneficiare della detrazione fiscale al 110%. 

Il visto di conformità dovrò indicare i dati relativi alla documentazione presentata che sia conforme e ci siano i presupposti che danno diritto alla detrazione d’imposta. Il visto dovrà essere rilasciato da intermediari abilitati o CAF (assistenza fiscale), senza il visto non si potrà beneficiare della detrazione. 

Eco e sismabonus: chiarimenti dal Mise sui costi massimi di congruità

Arrivano chiarimenti anche dal Mise che ha deciso di emanare un decreto atteso dal 2013 sulle specifiche dei requisiti tecnici, costi massimi sostenuti per gli interventi di risparmio energetico e trasmittanza. 

La bozza del decreto è diffusa il 10 luglio, ma non conteneva le modifiche apportate dalla legge di conversione contenute nel decreto Rilancio nella tabella B, mancavano i numerosi interventi definiti nel decreto legge n. 34/2020 con agevolazioni fiscali del 110%. 

Adesso con i chiarimenti del Mise il quadro normativo è più chiaro e risolve uno dei tasselli più importanti e riguarda il massimale della spesa degli interventi da eseguire, che saranno considerati per definire il rapporto di congruità tra la spesa e l’intervento. 


Potrebbe interessarti: Pensione di reversibilità e convivenza: indispensabile l’unione civile

Il listino prezzi del Mise è molto importante ed era un tassello mancante, fino ad oggi. I prezzi indicati si intendono al netto dell’Iva, costi per ponteggi e tariffe professionali. 

Il decreto del Mise stabilisce anche i nuovi limiti di trasmittanza energetica.